CANI E GATTI

Tiragraffi per gatti: come scegliere i modelli giusti

LEGGI IN 2'

Nel mondo degli accessori per animali i tiragraffi per gatti hanno senza dubbio un posto di primo piano nella lista degli oggetti del desiderio. I proprietari dei mici li apprezzano perché deviano l’istinto al graffio da mobili e poltrone e lo indirizzano su qualcosa di diverso, mentre i nostri piccoli felini trovano molto piacevole questo strumento amico dei loro artigli.

In commercio ormai esistono tiragraffi di ogni tipologia, alcuni di essi studiati per fa divertire Fuffy anche in modo differente rispetto al semplice uso canonico. Ed ecco quindi che per i genitori umani dei gatti arriva il primo dubbio, ossia quale prodotto è meglio acquistare per il benessere psichico e fisico del proprio animaletto?

La domanda in realtà non deve essere solo questa, in quanto la scelta del tiragraffi va fatta anche in base al budget di spesa ed allo spazio che si ha nella propria abitazione. Non solo, è anche essenziale capire se sia meglio comperare un prodotto più ingombrante per far giocare più gatti, oppure due o tre più piccoli, in modo da evitare litigi.

In questo caso specifico dipende tutto dal grado di socializzazione dei nostri mici domestici, mentre per le altre variabili dobbiamo fare un pochino mente locale. Si parte infatti da un tiragraffi basico, in genere dotato di una base ampia tonda o quadrata, sopra cui si erge una sorta tubo ricoperto di corda spessa, dove appunto il gatto può rifarsi le unghie.

Da qui si passa ai modelli con pallina in cima, per stimolare anche l’attività predatoria, ma ci sono anche tiragraffi piani, simili a dei cuscini rigidi, studiati per i gatti che non amano troppo ergersi sulle zampe posteriori per grattare il cono di corda. Di sicuro il modello più amato dalla maggior parte dei felini è quello che viene definito il castello.

Un tiragraffi, in pratica, dotato di più piani, con zone dove il gatto può accoccolarsi per riposare, di giochini con cui divertirsi e più superfici per grattare. Ma attenzione, perché questi prodotti arrivano a costare anche centinaia di euro, quindi cerchiamo di capire se sono quello che serve e se riusciamo a trovare qualche offerta.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta