2019/11/17 22:28:054123
2019/11/17 22:28:0549451

GRAVIDANZA

Tocofobia: che cos'è la paura del parto?

LEGGI IN 2'

La paura del parto è abbastanza comune tra le donne in attesa, talvolta però può assumere carattere patologico e caricare la mamma in gravidanza di un'ansia eccessiva. Si chiama tocofobia.

Cos'è la tocofobia?

È una malattia poco conosciuta il cui sintomo principale è la paura del panico del parto, spesso correlata alla paura del dolore o della morte. Nonostante il desiderio di maternità, le donne colpite da questa forma d'ansia hanno talmente paura di dare alla luce un bambino che aumenteranno il numero di contraccettivi per evitare di rimanere incinta o di evitare di partorire a tutti i costi.

I dottori iniziarono a parlare di tocofobia (dal greco "tokos", che significa parto) durante il diciannovesimo secolo e ne sono state definite tre diverse forme. La primaria, che causa un abuso di contraccezione. Attraverso il desiderio di avere figli si può superare la paura e il risultato in gravidanze indesiderate, ma queste donne partoriscono spesso con cesareo. Esiste poi una forma secondaria che si verifica dopo in parto difficile. Infine, c'è la tocofobia, un sintomo di depressione prenatale. La gravidanza può scatenare un tale malessere che le donne non si sentono capaci a partorire.

Chi sono le signore soggette a questo disturbo? Sono madri molto giovani o, al contrario, con più di 40 anni. Gravidanze ad alto rischio (in vitro, diabete gestazionale o anomalie congenite) possono anche aumentare questa fobia. Tra le cause, potrebbe esserci anche l'abuso sessuale (o una forma di violenza affine)

 

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicchi su “Prosegui con la navigazione”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Prosegui con la navigazione