CRESCITA

4 sintomi che tuo figlio potrebbe avere un’allergia

LEGGI IN 2'

Le allergie sono un problema sempre più diffuso, anche tra i bambini, e purtroppo non sono sempre facili da diagnosticare o da indentificare. Insieme al colore degli occhi e alle stranezze della personalità, i genitori possono trasmettere la loro predisposizione alle allergie: i bambini allergici spesso provengono da genitori allergici. Il legame genetico non garantisce che una certa allergia venga trasmessa, sebbene allergie simili tendano a correre nelle famiglie. Quali sono i sintomi più frequenti?

Naso che cola e prurito agli occhi. Sebbene sia il raffreddore che le allergie possono dare a un bambino il naso che cola, se è accompagnato da prurito agli occhi o alla gola e il bambino non ha la febbre o altri segni di malattia, allora è probabile che si tratti piuttosto di allergie stagionali di un raffreddore.

Eruzione cutanea secca e squamosa. L' eczema, che in genere compare durante il primo anno di vita di un bambino, può essere innescato da determinati alimenti nella dieta del bambino, ma è anche noto per essere una condizione ereditaria. La buona notizia è che l'80% dei bambini che hanno l'eczema lo supererà.

Una tosse ostinata. Se la tosse persiste per settimane o mesi ed è accompagnata da altri sintomi simili al raffreddore - prurito, lacrimazione, naso chiuso, naso che cola - potrebbe essere un segno di asma innescato da polvere, polline, inquinamento o animali domestici.

Vomito e dolore addominale subito dopo aver mangiato. Sintomi come vomito a proiettile, reazioni respiratorie e cutanee e, meno comunemente diarrea e orticaria , compaiono rapidamente, in genere da pochi minuti a mezz'ora, e no più di due ore dopo aver mangiato. I fattori scatenanti del cibo più comuni nei bambini includono latte, uova, noci, sesamo e soia, mentre le allergie al grano e ai crostacei di solito si manifestano nei bambini più grandi.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione