CURARE LE PIANTE

Pianta fucsia appassita, cosa fare

LEGGI IN 2'

Una pianta di fucsia appassita è una visione triste e desolante. L’abbiamo vista con i boccioli, abbiamo atteso che si aprissero e, sul più bello, fiori e foglie hanno cominciato ad afflosciarsi e a cadere lasciando soltanto i rami.  

La fucsia può risentire di una posizione troppo esposta al sole o del troppo caldo e comunque è una pianta che richiede degli accorgimenti. Insomma, non pensare di essere una frana se la vedi secca!

Pianta di fucsia appassita, cosa fare
Prima di rinunciare e buttarla, fai dei tentativi per riprenderla:

  • Prova a spostare la fucsia in un luogo più fresco e ombreggiato, in penombra o, se fa molto caldo, all’ombra, a maggior ragione se fino a questo momento l’hai tenuta in pieno sole.
  • La tentazione è quella di annaffiarla immediatamente, ma non è detto che l'acqua sia necessaria, anzi potrebbe essere controproducente in quanto l’eccesso potrebbe colpire le radici e, quindi, peggiorare lo stato della fucsia appassita. Quindi, se il terreno è umido, non irrigare la pianta. Prova a nebulizzare le foglie. In generale, è preferibile acqua non calcarea; perciò, puoi farla riposare almeno per una giornata e poi usarla badando di non agitare troppo il contenitore affinché il calcare sul fondo non cada sul terreno; in alternativa, puoi anche raccogliere l’acqua piovana.
  • Se la pianta di fucsia presenta dei fiori secchi o che sono sul punto di seccarsi, tagliali.
  • Fai un tentativo con una potatura dei rami, con un taglio di un 1/3 o anche 2/3.
  • Controlla che non ci siano degli insetti.


In generale, per la cura della fucsia, fatti qualche domanda: il drenaggio è buono o l’acqua ristagna? Hai scelto una buona posizione? Vivi in una zona troppo calda? L’acqua è molto calcarea? Per saperne di più su come coltivare questa pianta bellissima, leggi il relativo articolo.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione