SCUOLA DI CUCINA

Pasta wonton: la ricetta cinese originale per ravioli e involtini

LEGGI IN 2'

Quando andiamo a mangiare in un ristorante cinese, uno dei grandi classici che non manca mai sulla nostra tavola sono gli involtini primavera. Questi deliziosi prodotti, insieme ai ravioli cinesi, sono cucinati secondo la tradizione asiatica, utilizzando come base la pasta wonton, che un po' assomiglia alla nostra sfoglia per lasagne.

Questo tipo di pasta ha una ricetta semplice e molto essenziale e anche la sua preparazione non ha grandi difficoltà o lunghe attese. Se già abbiamo un pochino di confidenza con gli impasti della nostra cucina italiana, preparare la sfoglia wonton sarà molto facile e veloce. Giusto 15 minuti di orologio.

Pasta wonton: come si preparara

La ricetta cinese originale della pasta wonton conta solo quattro ingredienti che tutti già abbiamo in cucina. Una farina per tutti gli usi, preferibilmente la classica 00 (2 tazze), 1 uovo, 1 cucchiaino di sale e poca acqua, quella che serve a rendere l'impasto liscio e omogeneo.

Versiamo la farina a fontana sul piano da lavoro e aggiungiamo l'uovo, precedentemente sbattuto con il sale, all'interno. Iniziamo a mescolare incorporando farina dall'esterno verso il centro. Se l'impasto risultasse molto duro, aggiungiamo qualche cucchiaio di acqua per ammorbidirlo.

La pasta wonton, esattamente come una normale sfoglia all'italiana, dovrà essere malleabile, morbida e non appiccicosa. A questo punto dividiamo l'impasto in due pallette, che dovranno essere lasciate a riposare coperte da un panno umido per una decina di minuti.

Passato questo lasso di tempo, tiriamo fuori solo la pallina che andremo a lavorare, mentre teniamo l'altra sempre coperta dal panno, che la mantiene idratata. Stendiamo l'impasto wonton su un piano leggermente infarinato e tiriamolo ad uno spessore di circa 2 millimetri. Dovrà essere sottile.

A seconda che la pasta wonton ci serva per ravioli o involtini, tagliamola di forma rotonda o quadrata e usiamo subito con il ripieno scelto. Per chiudere la farcitura all'interno, evitando che fuoriesca in cottura, sigilliamo la sfoglia bagnandola con poca acqua.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione