CURARE LE PIANTE

Pacciamatura: come si fa e cosa usare

LEGGI IN 2'

La pacciamatura consiste nella distribuzione di materiali sul terreno di ortaggi, piante, fiori, coltivati nel giardino in piena terra o in vaso.

L’operazione si fa per trattenere l’umidità, proteggere le piante dal caldo e dal freddo e ottenere altri effetti che puoi approfondire cliccando qui: vediamo, ora, come si fa e cosa usare per pacciamare il terreno.


Pacciamatura: come si fa

  • In linea di massima, con molti materiali pacciamanti, puoi creare uno strato di circa 5-10 centimetri, in genere più spesso in inverno, meno spesso in primavera;
  • In generale, attenzione a non esagerare per non soffocare la pianta;
  • Per pacciamare alberi, arbusti e piante legnose, non avvicinarti troppo al fusto e non creare delle piccole montagne con i materiali pacciamanti, altrimenti rischi di far marcire le piante.

 

Pacciamatura: cosa usare
Per pacciamare il terreno, ci sono diversi tipi di materiali.

Puoi scegliere dei materiali organici e in genere biodegradabili. Questi si sciolgono nutrendo il terreno, quindi, se c’è bisogno, periodicamente devi aggiungerli.

Alcuni materiali possono cambiare il terreno, ad esempio renderlo più acido; altri, invece, possono attirare degli animali.

Ecco un elenco di alcuni materiali di questa tipologia che puoi utilizzare per fare la pacciamatura:

  • Paglia
  • Aghi di pino
  • Trucioli di legno
  • Letame ben decomposto
  • Scarti naturali come fondi di caffè, luppolo
  • Pezzetti di corteccia
  • Pezzetti di foglia
  • Fieno
  • Compost
  • Erba tagliata, ma dopo averla asciugata

In alternativa, per la pacciamatura, puoi usare anche dei materiali inorganici e non biodegradabili come:

  • ciottoli
  • ghiaia
  • pietrisco
  • ardesia

Inoltre, ci sono pure degli appositi teli pacciamanti e la pacciamatura rientra tra gli usi dell’argilla espansa.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta