GRAVIDANZA

Insonnia in gravidanza: quali sono le cause principali

Riposati adesso, che quando nascerà il bambino.... E' un bel consiglio, peccato che molte donne debbano fare i conti con l'insonnia in gravidanza. Sai quali sono le cause più frequenti?
LEGGI IN 2'

Diventare mamma è una grande emozione e una grande responsabilità. Ed è abbastanza normale farsi investire da ansie notturne, tanto che già nel loro primo trimestre, molte donne possono iniziare a sperimentare l'insonnia della gravidanza. Quali sono le cause?

  • Nervosismo: amare i bambini e desiderare il tuo bambino, non significa non essere impauriti dal tuo nuovo ruolo e magari anche dal parto.
  • Non trovi la posizione giusta. Far crescere un altro essere umano all'interno della pancia porta a molti cambiamenti strutturali nel corpo, il che potrebbe significare che le tue normali posizioni di sonno non sono più comode. Ad esempio, se preferisci dormire a pancia in giù, con il progredire della gravidanza potresti non essere in grado di assumere quella posizione per dormire. Questo può disturbare la tua capacità di dormire e potrebbe rendere difficile trovare una posizione comoda.
  • Mal di schiena. Le donne in sovrappeso e quelle che hanno avuto mal di schiena durante una precedente gravidanza sono a più alto rischio di sviluppare mal di schiena.
  • Fluttuazioni ormonali. Il panorama ormonale del tuo corpo subisce cambiamenti drastici nel corso della gravidanza.
  • Minzione frequente. I cambiamenti di determinati livelli ormonali possono portare a dover urinare più frequentemente, il che potrebbe svegliarti più volte durante la notte.
  • Bruciore di stomaco e indigestione: sono comuni durante la gravidanza, poiché gli organi interni devono spostarsi per accogliere un bambino in crescita, e questo può esercitare pressione sulla valvola che normalmente impedisce all'acido dello stomaco di rifluire nell'esofago.
  • Apnea notturna. È una condizione in cui smetti di respirare momentaneamente più volte durante la notte. Questo può farti svegliare spesso.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta