RICETTARIO

Grispelle calabresi (dette anche cullurielli)

  • ANTIPASTO
  • FACILI E VELOCI
  • MEDIA
  • 30 MINUTI

INGREDIENTI
INGREDIENTI PER 4 PERSONE

1 kg di farina, 1 panetto di lievito di birra, 1 kg di patate, 3 pizzichi di sale, 500 gr di acqua tiepida (ca.), 1 l di olio di semi di arachidi (per friggere), 3 sarde/acciughe sotto sale (per la variante salata).

PREPARAZIONE

Le grispelle calabresi - sconosciute anche con il nome di cullurielli - sono delle frittelle particolari preparate con le patate; possono essere servite sia dolci che salate e rappresentano un piatto davvero molto versatile.

Lessa le patate con tutta la buccia (usando la pentola a pressione, ci mette molto meno tempo). Lascia raffreddare quel tanto che basta per poterle spellare senza scottarsi le dita e ridurle in purè. Versale all'interno di un recipiente sufficientemente capiente (considera l'aumento di volume dovuto alla lievitazione), aggiungi la farina e il sale. Dopo aver fatto un buco al centro, versa circa ¼ dell'acqua e, aiutandoti con le mani, fai sciogliere il lievito di birra. Quando il lievito si sarà completamente sciolto, inizia a lavorare l'impasto con le mani, aggiungendo l'acqua rimanente un po' alla volta. L'impasto finale dovrà risultare molto morbido. Copri il recipiente con un coperchio e avvolgilo in una coperta (od altro) in modo che la temperatura sia alta e tale da favorire la lievitazione.

Se la temperatura è adeguata (facile in estate) l'impasto riesce a lievitare nel giro di 1-2 ore (una rapida occhiata notando la formazione di bolle nonché l'aumento di volume confermerà l'avvenuta lievitazione). A questo punto, riempi una padella dai bordi alti con l'olio di semi, porta a temperatura e incominciare a friggere la pasta dopo averne formato con le mani dei bastoncini lunghi circa 15 cm (in alternativa anche delle ciambelline). Rigira un paio di volte finché non assumono una colorazione dorata, quindi scola all'interno di un recipiente con carta assorbente. Durante la frittura sarà bene aggiungere altro olio per ripristinare un livello tale da assicurare la copertura dei bastoncini (grispelle). Le grispelle così fatte possono essere servite semplici, oppure spolverate di zucchero od ancora servite con del miele.

Variante salata delle grispelle calabresi

Mentre l'impasto lievita, lava delle sarde sotto l'acqua eliminando tutto il sale, puliscile bene, elimina la lisca e riduci in piccoli pezzetti. Al momento della frittura, mentre formi i bastoncini incorpora uno/due pezzetti di sarda e friggi come indicato sopra. Un suggerimento, volendo fare entrambe le versioni: conviene friggere prima quelle dolci e poi quelle con le sarde. In questo modo le dolci non risentiranno del forte sapore delle sarde.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta