COSA MANGI?

Dieta vegana: pro e contro

LEGGI IN 2'

I vegani non mangiano nessun alimento di origine animale, non solo carne e pesce come i vegetariani, ma evitano anche uova, derivati del latte e miele. 

Questa scelta può derivare da motivazioni di benessere e salute, per stare meglio fisicamente ed evitare di ingerire le sostanze tossiche contenute in molti dei mangimi per animali o molto più spesso da motivazioni etiche che passano attraverso la consapevolezza dello sfruttamento degli animali e l’idea che le trasformazioni a cui sono sottoposti questi tipi di alimenti aumentino l’impatto ambientale sul nostro eco-sistema.

Quindi, cosa mangiano i vegani?

Cereali integrali come riso, orzo, miglio, farro, cous cous integrale, bulghur, quinoa, legumi come fagioli, piselli, ceci e lenticchie, patate, verdure in grande quantità, latte di soia, di riso, di mandorle, d’avena, frutta fresca, frutta secca, tofu, tempeh (carne di soia), seitan (un alimento ricavato dal glutine del grano tenero o dal grano Khorasan – un tipo di frumento orientale - o dal farro), derivati della soia (ce ne sono di vari formati, hamburger e bistecche di soia), semi di Chia molto ricchi di amminoacidi e acidi grassi omega 3, 6 e 9, semi di girasole, di sesamo o di zucca, olio d’oliva e margarina. 

L’industria alimentare si è adeguata alla richiesta sempre più in crescita del mercato immettendo molti prodotti senza uova e latte come biscotti, dolci e snack, per esempio.

Dal punto di vista nutrizionale questa scelta deve essere accompagnata da un’attenta programmazione alimentare per evitare che si possano verificare squilibri pericolosi

Vediamo alcuni pro e alcuni contro.

Pro della dieta vegana

  • Può allontanare il rischio di malattie cardiovascolari, diabete e obesità.
  • Può far sentire più in forma e leggeri.
  • È una dieta detox, pulisce l’intestino da eventuali scorie.
  • Riduce la possibilità di ammalarsi di alcune forme tumorali collegate ad anabolizzanti e antibiotici ingeriti dagli animali d’allevamento.

Contro della dieta vegana

  • Può provocare anemia per una carenza di ferro.
  • Può causare sonnolenza e stanchezza, conseguenze di un mancato apporto proteico.
  • Può portare vertigini e difficoltà di concentrazione in seguito a una carenza di calcio, vitamina D e B12.
  • Può provocare gonfiore addominale per il consumo di verdure, legumi e cereali.

Se stai pensando di seguire una dieta vegana presta estrema attenzione al giusto apporto nutrizionale in modo da immettere nel tuo organismo tutto il necessario al suo corretto funzionamento cercando di integrare la tua dieta con alimenti vegetali fortificati come il latte di soia arricchito di vitamina D o B12. 

La cosa migliore sarebbe farti seguire da un nutrizionista specializzato che possa consigliarti nella maniera più corretta in relazione al tuo corpo, alle tue esigenze e al tuo stile di vita.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.
Valentina

Io credo nella dieta vegetariana,però vegana mi sembra un pò troppo estrema! lo dico con il massimo rispetto per chi la segue,ci mancherebbe,però sia dal punto di vista della salute che dal punto di vista etico mi sembra che la dieta vegetariana sia più che sufficiente per stare bene fisicamente e mentalmente

3 anni fa

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta