SCUOLA DI CUCINA

La Mostarda di Cremona

LEGGI IN 2'

I tipi di mostarda

La mostarda è un prodotto tipico della tradizione culinaria italiana che spesso viene riscoperto durante le festività natalizie. La ricetta della mostarda non è unica ma al contrario esistono più versioni lungo tutto il territorio. Le due più famose sono sicuramente la Cremonese e la Vicentina anche se è molto conosciuta anche la Mantovana, a base di mele cotogne e pere, usata come ingrediente anche per il ripieno dei tortelli di zucca.

Altri tipi di mostarda sono quella di Voghera, con frutta candita e sciroppo e quella del Piemonte a base di mosto d’uva, mele cotogne, pere e nocciole tostate. Scendendo verso la zona centro meridionale si trovano anche la Bolognese, prodotta con le prugne, le mele e frutta mista, la Calabrese, una vera confettura di uva, e la mostarda siciliana dove il mosto viene impastato con la farina.

La varietà di Cremona

Ingredienti: 100 g di ciliegie, 100 g di mele, 100 g di albicocche, 100 g di ananas, 100 g di pere, 100 g di mandarini, 100 g di pesche, 50 g di fichi, 50 g di arance, 4oo g di zucchero, 10 gocce di essenza di senape.

Tempo: 3 giorni
Difficoltà: Media

Procedimento

1 – La prima cosa da fare per preparare la mostarda è di preparare tutta la frutta snocciolata, lavata e tagliata in pezzi grossi. Fatto ciò puoi lasciarla a macerare per 24 ore nello zucchero.

2 – Il giorno dopo, quindi, prendi la frutta e mettila in un pentolino con poca acqua e fai portare tutto ad ebollizione. Mantieni il bollore per circa cinque minuti. Fai riposare per altre 24 e ripeti l’operazione precedente per altre due volte facendo attenzione a non coprire mai la pentola durante e dopo la cottura.

Come terminare

3 – Una volta terminato questo lungo procedimento è sufficiente aggiungere alla frutta macerata la senape e mettere il tutto in vasetti a chiusura ermetica. Ricorda di conservare i barattoli in un luogo buio e asciutto fino al momento del consumo.


4 – La mostarda è adatta soprattutto con carne e formaggio. Per il primo abbinamento è consigliabile il tacchino, il pollo e il cotechino, mentre con il secondo è perfetto il Gorgonzola dolce, l'Asiago e l’Emmenthal.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta