RICETTARIO

La ricetta del cocktail Gimlet con gin e lime

PREPARAZIONE

Il cocktail Gimlet ha una storia interessante, che sembra affondare le sue origini nel XVIII secolo, sulle navi inglesi. Tra i marinai era frequente una malattia chiamata scorbuto, causata dalla carenza di vitamina C per via di un’alimentazione poco equilibrata, perciò sembra che un escamotage per far assumere succo di lime, fosse appunto quello di mescolarlo agli alcolici.

Così sembra sia nato il Gimlet, che è fatto appunto con succo di lime appena spremuto, gin e sciroppo di zucchero semplice. Ad oggi, a differenza del passato non troppo lontano, nei cocktail bar e nei locali si serve questo drink con una decorazione sul bordo del bicchiere, una fetta di lime o un ricciolo della sua scorza.

In realtà, fino a qualche anno fa aveva preso piede una variante della ricetta classica, sostituendo il gin con la vodka liscia. Ma la versione naturale e originaria resta ancora la preferita dagli estimatori dei grandi classici. Di seguito quindi la preparazione del cocktail storico.

La ricetta del cocktail Gimlet

Il primo passaggio della ricetta per il cocktail Gimlet è di riempire lo shaker con il gin, il succo di lime spremuto fresco e lo sciroppo di zucchero, aggiungendo poi il ghiaccio. Chiudiamo ed agitiamo in composto per circa mezzo minuto, o comunque fino a quando il contenitore non sarà freddo e il liquido interno quindi correttamente refrigerato.

A questo punto prendiamo il nostro bicchiere da cocktail, in questo caso una coppa Martini o una per il Cosmopolitan, filtrando il drink con uno strainer. Se preferiamo la versione on the rock, usiamo invece un tumbler classico riempito di ghiaccio. A noi la scelta se preferiamo il cocktail puro o no.

Se vogliamo decorare il bicchiere, tagliamo una fetta di lime e inseriamola a metà lungo il bordo o in alternativa tagliamo a ricciolo la scorza del frutto per un decoro più elegante.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione