MAMMA

Donare il latte materno: come fare?

Se hai una produzione di latte molto importante, più di quanto non serva al tuo bambino, e sei sana potresti donarlo. Devi rivolgerti a una banca del latte materno a fare alcuni esami.
LEGGI IN 2'

Il latte materno è l’alimento più completo per il bambino e la donazione è un grande atto di generosità. Nel migliore dei casi, il latte materno che il bambino riceve sarà quello di sua madre. Tuttavia, a volte i bambini vengono nutriti con latte materno donatore. Può succedere che la madre non sia sempre in grado di allattare al seno il suo bambino. Come fare? È possibile accedere alla banche del latte.

Di solito la donazione è dedicata a bambini orfani o con madre che non sono in grado di allattare. Tuttavia, se possibile, il bambino può ricevere il latte materno dai donatori anche quando è a casa. Sotto la prescrizione di un pediatra, è possibile accedere alla riserva di latte di una banca specializzata.

II latte che viene fornito da questi centri è affidabile, perché proviene da madri che producono più di quanto bevano i loro figli. Inoltre, queste donne sono sottoposte a test, per verificare che non abbiano malattie trasmissibile con il latte. E poi i contenitori in cui viene conservato sono sterilizzati. Allo stesso tempo, i meccanismi di conservazione vengono ispezionati e mantenuti secondo determinati requisiti. Il latte poi viene anche pastorizzato. Purtroppo, perdere un parte del suo valore nutrizionale, ma resta comunque di ottima qualità. Tutto questo per dire che se vuoi donare devi rivolgerti a una banca del latte e non mettere il tuo latte online.

Chi può donare? Le mamme in buona salute e con un corretto stile di vita che allattano durante il primo anno di vita del proprio bambino e che producono una quantità di latte superiore alle necessità della propria prole. Le donne che aderiscono alla donazione devono rispondere ad un questionario anamnestico e sottoporsi a un semplice screening che consiste nella valutazione della storia clinica e nell’esecuzione di esami sierologici (epatite B, epatite C, infezione da HIV).

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione