ORTO E GIARDINO

Come coltivare le more e dare al tuo giardino un tocco... selvatico!

LEGGI IN 3'

La serenità e la spensieratezza che è in grado di regalare una tranquilla passeggiata nel bosco è impareggiabile, soprattutto se intervallata qua e là da qualche piccola sosta in prossimità dei fitti rovi che si susseguono lungo il sentiero, nascondendo quei fruttini così dolci e succosi: le more! Se anche tu hai l’abitudine di raccoglierne in grandi quantità tra agosto e settembre per preparare gustose marmellate con cui arricchire le tue colazioni autunnali, allora perché non coltivare more in casa? Oltre ad averle sempre a portata di mano, questa può essere l’occasione perfetta per rinnovare il tuo giardino dandogli un non so che di… selvatico!

Se sei decisa a coltivare more di rovo - arbusto appartenente alla famiglia delle Rosaceae, il cui nome scientifico è Rubus ulmifolius - allora per prima cosa devi scegliere la varietà più adatta al clima della tua regione. In linea generale, quelle delle more sono piante molto robuste, che si ammalano raramente - a differenza dei loro “cugini” lamponi - e sopportano piuttosto bene il freddo. In una zona dagli inverni molto rigidi, però, è preferibile optare per una varietà a fusto eretto, che di solito cresce in siepi; nelle regioni con inverni più miti, invece, crescono molto bene le varietà a cespuglio. Queste si sviluppano in modo molto simile a quelle selvatiche, con polloni che crescono anche dal basso e si espandono con grande facilità! 

Entrambe le varietà coltivate producono - a differenza delle “parenti” selvatiche - frutti più grandi, dolci e succosi, e sono disponibili con o senza spine. Coltivare more senza spine è di gran lunga preferibile, perché permette di evitare raccolti dolorosi! Tieni presente però che temperature troppo rigide e inverni molto lunghi - per non parlare delle gelate - possono mettere a dura prova la coltivazione di more senza spine, meno resistenti al freddo delle “puntute” omologhe!

Forse ti può interessare anche la guida alla coltivazione del lampone!

Tecniche di coltivazione delle more: dall’impianto alla potatura

Scelta la varietà di more più indicata, compra in un vivaio le giovani piantine da mettere a dimora: invece che interrare i semi, questa è decisamente la soluzione più comoda e semplice per coltivare more!
I rovi prediligono i terreni boschivi, quindi quello ideale per coltivare le more da giardino è arricchito con terriccio per piante acidofile, con aggiunta di un po’ di concime organico per favorirne attecchimento e sviluppo. Per quanto riguarda la posizione, scegline una piuttosto soleggiata: luce e calore costanti renderanno i neri fruttini più succosi e zuccherini!  

Qual è il periodo migliore per l’impianto? Nelle regioni dagli inverni miti, puoi cominciare già da fine autunno, perché il pericolo di gelate è praticamente inesistente; in quelle con inverni molto rigidi, invece, devi aspettare l’inizio della primavera (primi di marzo), per evitare che il freddo ne ostacoli l’attecchimento.

Nel momento in cui metti le piantine a dimora, abbi cura di posizionare il pane con la radice ad una profondità tale che il livello del suolo venga a coincidere con l’inizio dei primi rami. Disponi le piantine a 1 metro l’una dall’altra e - nel caso tu voglia suddividerla in due file - lascia 2,5 metri di distanza tra loro. Appena impiantate, pota le giovani piantine di rovo a un’altezza di circa 30 cm dal terreno e - per sostenerne la crescita e far sì che avvenga in modo ordinato - crea una “spalliera” piantando nel terreno pali di 2 metri di altezza a circa 3-4 metri di distanza e poi fissando ad essi 3 fili. Collocali ad una distanza di 50, 130 e 180 cm dal suolo e poi lega ad essi i polloni, per indirizzarne la crescita.  

Annaffia regolarmente le tue more - considera che hanno bisogno di una media di 2,5-5 cm d'acqua a settimana - e poi attendi la crescita di polloni (circa 3-5 per pianta) e frutti. Alla fine dell’autunno, dopo il raccolto, scegli i rami più robusti da mantenere e riducili ad un’altezza di circa 180 cm; poi taglia alla base i tralci che hanno fruttificato e accorcia quelli laterali. Coltivare more selvatiche è possibile solo con un’attenta potatura, che eviterà al tuo cespuglio di trasformarsi in uno spaventoso intrico!

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta