SCUOLA DI CUCINA

Come cucinare il polpo congelato con tempi e modi corretti

LEGGI IN 2'

Il polpo è uno dei prodotti ittici più apprezzati nella cucina italiana e infatti molte delle nostre ricette, dall’insalata di mare all’abbinamento con le patate, lo vedono protagonista. Ma trovarlo fresco non sempre è facile e, tra l’altro, se non abbiamo un pescivendolo di fiducia, il dubbio che non sia di qualità resta sempre.

Ma niente paura, visto che in qualunque periodo dell’anno è possibile acquistare polpi surgelati e confezionati, dove è sempre visibile provenienza, ma anche data del confezionamento. In questo modo avremo a disposizione una materia prima con una tracciabilità sicura, pronta da usare per le nostre ricette di cucina.

Se quindi vogliamo cucinare il polpo congelato è importante capire come fare, in modo da evitare che la carne risulti poi stopposa. Il surgelamento, cosa essenziale da sapere, scompone le fibre all’interno del pesce, che così diventa anche più tenero rispetto alla variante fresca.

Il primo modo per cucinare il polpo surgelato è di metterlo in una pentola capiente appena coperto con dell’acqua di rubinetto. Accendiamo il fornello e portiamo ad ebollizione coperto, dopo di che abbassiamo il fuoco e lasciamo sobbollire per circa 40 minuti, aggiungendo a metà cottura anche eventuali erbe, aromi e sale.

La cottura deve appunto essere lenta e a fiamma dolce, di modo che il polpo si possa cuocere in maniera uniforme. Un buon modo per mantenere la carne tenera è di aggiungere anche mezzo bicchiere di vino bianco in pentola, che migliorerà anche il sentore aromatico del pesce.

Ma se volessimo evitare di insaporire il polpo, visto che magari la ricetta che abbiamo in mente prevede che non sia lesso in partenza, c’è un altro metodo per scongelarlo prima di cuocerlo. Basta infatti lasciarlo in uno scolapasta sopra al lavandino la sera prima di cucinarlo, in modo che perda l’acqua in eccesso e torni a temperatura ambiente.

Il giorno dopo lo potremo usare per le nostre ricette, come il polpo in pignata o con le patate.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta