IN FORMA

I rimedi della nonna per i crampi notturni

LEGGI IN 2'

I crampi notturni sono un problema che interessa tutti, ma che colpisce in particolar modo le donne e le persone più anziane. Le gambe sono le parti più interessate da questo disturbo, con i muscoli del polpaccio ad essere i maggiormente soggetti a questo tipo di fastidio, caratterizzato da dolore locale, anche severo.

Ma i crampi possono interessare anche i muscoli delle cosce e dei glutei, portando a bruschi risvegli nel cuore della notte per cercare di sedare il malessere. Prima di dedicarci ai metodi per prevenire e trattare in maniera utile il problema, vale la pena occuparci brevemente delle cause scatenanti e di cosa accade quando abbiamo un crampo notturno.

In realtà, non c’è una causa precisa che porta a questo disturbo, ma esistono fattori che aumentano invece il rischio. Lo stile di vita sedentario, uno sforzo muscolare eccessivo, una posizione seduta scorretta, il restare a lungo in piedi, o un fisiologico accorciamento dei tendini (cosa che avviene con l’età), sono alcuni di questi.

Tanto più che, mentre siamo sotto le coperte, tendiamo a distendere le dita in modo innaturale, con la cosiddetta flessione plantare. Ciò comporta un accorciamento dei muscoli del polpaccio, rendendoli più suscettibili ai quei crampi tanto dolorosi e fastidiosi, che lasciano anche degli strascichi una volta in piedi la mattina.

Il modo migliore per prevenire i crampi notturni è di mantenerci idratati, evitare posizioni scorrette durante la giornata e assumere la giusta quantità di minerali, specie il potassio ed il magnesio. Per quanto riguarda i rimedi della nonna da sfruttare in caso acuto, il massaggio della zona “impastando” il muscolo è il modo più veloce per avere sollievo.

Lo stretching è un altro metodo per distendere il muscolo contratto, così come, in caso di crampi ai polpacci, camminare sui talloni. Se il dolore interessa quadricipiti femorali o altri muscoli degli arti inferiori, anche applicare un asciugamano caldo nella zona interessata può essere un valido aiuto per sciogliere la tensione muscolare.

Da tenere in casa anche un olio essenziale di salvia sclarea o anche unguenti a base di iperico, ottimi per i massaggi stimolanti e decontratturanti post crampi notturni.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione