GRAVIDANZA

Come riconoscere le contrazioni Braxton Hicks

LEGGI IN 2'

Tutte le donne alla prima gravidanza sono un po' spaventate dal parto e sono curiose di sapere che cosa si prova e come riconoscere le contrazioni. La prima cosa da sapere è che le contrazioni non sono tutte uguali, ci sono quelle "innocue" che non modificano il collo dell'utero e sono, più che altro sintomo, che l'utero che si sta espandendo per far posto al piccolo, le contrazioni preparatorie, che iniziano dalla 37esima settimana di gravidanza ma non segnano l'avvio del travaglio, e quelle invece tipiche della fase espulsiva, le più dolorose.

Cosa sono le Braxton Hicks?

Le contrazioni Braxton Hicks prendono il nome dal medico inglese che per primo le distinse dalle altre. Sono contrazioni fisiologiche e normalmente iniziano intorno alla 30esima settimana. Da che cosa dipendono? Le cause sono diverse: l'utero che si espande, il bambino che muove o un po' di stanchezza. Si manifestano soprattutto verso l'ora di sera, quando la donna prova a riposarsi un pochino dopo una giornata faticosa. Le Braxton Hicks non sono dolorose, sono semmai fastidioso.

Assomigliano a un dolore mestruale leggerissimo e molto spesso vengono identificate con la pancia dura. Non hanno una scadenza regolare e dovrebbero essere sporadiche (un paio al giorno, non di più). Se noti però contrazioni dolorose e ravvicinate, devi chiamare il medico. Probabilmente non sono le Braxton Hicks ed è necessario fare una visita ginecologica e un tracciato per verificare le intenzioni del tuo bambino. Molto spesso sono solo dei falsi allarmi: la mamma potrebbe essere stata molto in piedi o avere avuto una giornata stressante. Probabilmente un periodo di riposo potrebbe essere fondamentale.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta