CANI E GATTI

Zecche del cane: sintomi e rimedi

LEGGI IN 2'

Le zecche sono dei parassiti che si cibano di sangue, perciò sono definiti emotofagi; hanno dimensioni che variano da 1 a 6 millimetri, a seconda dello stadio del loro sviluppo, suddiviso in tre fasi: larva, ninfa, adulto. Questa tipologia di parassiti è in grado di attaccare diversi ospiti, non solo gli animali selvatici ma anche quelli domestici e persino l'uomo. Per questo è importante, quando si parla di zecche del cane, conoscere i sintomi e i rimedi per poter intervenire. Proprio come avviene quando parliamo di pulci.

Zecche del cane: sintomi e rimedi

La zecca è capace di trafiggere la pelle del cane per attaccarvisi in maniera salda e, rimanendo attaccata a lungo, trasmette all'animale dei microrganismi patogeni come protozoi, batteri e virus responsabili di malattie che possono diventare anche piuttosto pericolose sia per il cane che per l'uomo. Inoltre alle zecche sono sufficienti pochi secondi per agganciarsi al pelo del cane e poi attaccarsi alla pelle e nutrirsi del sangue del nostro animale domestico.

Fra le malattie più diffuse che vengono trasmesse dalle zecche c'è l'Ehrlichiosi, pericolosa anche per l'uomo; i sintomi sono febbre alta, perdita dell'appetito, sonnolenza e dimagrimento. Un'altra malattia frequente dopo una puntura di zecca è la Rickettsiosi e anche in questo caso si verificano febbre e sonnolenza, accompagnate da dolori alle articolazioni. La Piroplasmosi, invece, provoca febbre, anemia e milza ingrossata.

Quando si scopre una zecca sul manto del cane (solitamente si presenta come un bottoncino di colore scuro), la prima cosa da fare è rimuoverla servendosi di una pinzetta, da utilizzare con un movimento rotatorio senza premere sulla zecca e sul suo addome; in tal modo potrai evitare che l'apparato buccale attraverso cui la zecca succhia il sangue rimanga attaccato alla pelle del cane. Una volta rimossa, la zecca va uccisa per impedire che si attacchi nuovamente.

Per tenere al riparo il tuo cane dalle punture di zecca, è consigliato un trattamento, con appositi prodotti, contro questi parassiti circa un mese prima che cominci la stagione a rischio (tarda primavera-inizio estate) e il trattamento va ripetuto, seguendo le indicazioni sulla confezione del prodotto, fino ad autunno inoltrato per mantenere sempre protetto il cane. Poi è necessario controllare con frequenza il suo manto; le aree predilette dalle zecche sono testa, torace, ascelle e inguine.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione