2019/11/19 09:55:5749262
2019/11/19 09:55:5731023

CANI E GATTI

Il linguaggio dei gatti

I mici sono dei gran chiacchieroni, in genere parlano molto più dei loro "cugini" cani. Fusa, miagolii, soffi, grida, gemiti: il vocabolario dei gatti è ampio ed estremamente variegato. Ogni suono, infatti, ha un particolare significato e in quanto tale va tradotto, interpretato e riconosciuto.
LEGGI IN 2'

Il solo miagolio viene emesso in una vastissima gamma di tonalità, in base al significato che l'animale vuole trasmettere. In genere viene utilizzato dal micio per comunicare la fame, la rabbia e l'amore, per sollecitare l'attenzione altrui, esprimere disagio e insoddisfazione o per manifestare un bisogno. Starà a noi sviluppare la capacità di interpretare i loro miagolii al fine di contentarli al meglio.

Un posto particolare nelle forme espressive del gatto è occupato dalle fusa, il classico ed inimitabile 'rumorino' tutto gattesco usato per esprimere simpatia, affetto e rispetto sia verso i suoi simili sia verso il padrone. Esprime un senso di felicità, contentezza e buona predisposizione verso l'altro, si tratta della primissima forma di comunicazione tra la madre e i suoi cuccioli.

Ma il linguaggio del gatto non è fatto solo di miagolii e fusa, si esprime attraverso tutto il corpo: le orecchie, la bocca, gli occhi, la coda, il manto. Quello di rizzare il pelo, per esempio, è un gesto abbastanza frequente con cui reagisce alle aggressioni o si contrappone ad un rivale della stessa specie. Si tratta di un atteggiamento che può essere anche solo dimostrativo e che solitamente è unito all'emissione di un "soffio" ringhioso e all'esibizione delle unghie.

La posizione delle orecchie rivolte all'indietro sta invece a comunicare rabbia, mentre la coda sollevata invece è un segno di saluto verso persone e gatti amici. Un gesto caratteristico del gatto è poi lo strofinamento, un modo per segnare il territorio, ma se praticato sulle gambe del padrone o di qualsiasi persona amica, anche una maniera di manifestare affetto.

Anche gli occhi, infine, parlano. Quando il gatto è affamato dilata le pupille, quando ha paura tende a restringerle, se è in allarme alza le palpebre, se è rilassato le socchiude.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicchi su “Prosegui con la navigazione”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Prosegui con la navigazione