BELLEZZA

Come curare le scottature causate dalla ceretta

Fai molta attenzione al calore della cera quando ti depili, perché potresti rischiare di scottarti. Come si curano le bruciature causate dalla cera? Esattamente come tutte le altre.
LEGGI IN 1'

La ceretta è un ottimo modo per sbarazzarsi dei peli superflui, che si tratti di sopracciglia, labbro superiore, inguine, gambe o altrove. Ha però diversi effetti collaterali e soprattutto un rischio: se è troppo calda, rischi di scottarti. Le ustioni possono essere dolorose e se non trattate possono portare a infezioni

Dopo aver ottenuto una piccola bruciatura, che si tratti di ceretta o di toccare una teglia calda, fai scorrere acqua fresca (non fredda) sull'area per circa 20 minuti. Puoi anche posizionare un panno umido e pulito (non batuffoli di cotone perché possono attaccarsi e causare infezioni) sull'area a intervalli di 10-15 minuti per ridurre il dolore e il gonfiore. Assicurati di non usare il ghiaccio, in quanto potrebbe peggiorare il danno. Puoi anche applicare un unguento o una crema antibiotica.

Ci sono alcune alternative naturali che probabilmente hai già a casa. Il primo è l'aloe vera. L'aloe è antinfiammatoria, favorisce la circolazione e inibisce la crescita dei batteri. Poi, c’è il miele. È un antinfiammatorio e naturalmente antibatterico e antimicotico. Potresti aver sentito che il burro e le uova possono aiutare a guarire, ma in realtà non sono efficaci.

Dopo aver trattato la zona scottata, non esporla alla luce solare. La pelle bruciata è  molto sensibile al sole; tienila coperta con i vestiti. Se hai dolore, puoi prendere un analgesico da banco. Assicurati di leggere l'etichetta per il dosaggio corretto. Se hai altri problemi, il tuo medico.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta