IN FORMA

Se il seno duole

LEGGI IN 2'

La risposta è quasi sempre no e bisogna cercare di non farsi prendere dall’agitazione. Secondo un documento sull’argomento, divulgato di recente dai Medici di Famiglia Americani, il dolore al seno è raramente il sintomo di un tumore. Perciò la prima cosa da fare è non allarmarsi. Giusto però andare dal medico.

La semplice palpazione è sufficiente, a volte, per escludere che si tratti di qualcosa di serio. La presenza di piccoli noduli, invece, potrebbe consigliare di approfondire l’esame con una ecografia o una mammografia, specialmente dopo i 35 anni. Molto più raramente occorre infine praticare una biopsia, utile quando ci sono noduli solidi che spesso si dimostrano, comunque, semplici cisti aspirabili senza conseguenze.

Ma se non c’è nulla di grave, perché le mammelle possono cominciare a dolere? Tuttora le cause non sono perfettamente conosciute. L’ipotesi è che ci sia un legame con la situazione ormonale, o per un aumento del livello di estrogeni o per una diverso tipo di risposta dell’organismo agli estrogeni stessi. Non è un caso che moltissime donne che soffrono di mastodinia -questo il nome con cui i medici indicano il dolore al seno- accusino il sintomo nella fase premestruale o in corrispondenza dell’ovulazione, quando gli estrogeni in circolo sono più elevati. Una spiacevole esperienza che si ripete ad ogni ciclo, in gravidanza o durante l’allattamento. Altre volte, più raramente, è invece la mastopatia fibrocistica a scatenare il dolore. Si tratta di una patologia benigna che determina noduli e seno denso e fibroso, ma senza nulla di grave. Sarà comunque un esame ad accertare se è alla base del dolore.

Il medico a questo punto dirà che il dolore sparirà da solo. Ma possiamo cercare di alleviarlo o prevenirlo in qualche modo.

  • Scegli il reggiseno più adatto a te. Dovrai scoprire da sola quello che per comodità o efficacia nel sostegno può darti i maggiori benefici. L’importante è indossarlo sempre. Mai mettere da parte il reggiseno, anche d’estate quando fa caldo: non usarlo può danneggiare la circolazione linfatica e provocare un peggioramento del sintomo.

  • La pillola anticoncezionale, favorendo una situazione ormonale stabile, a volte fa scomparire il dolore al seno già dopo pochi mesi di assunzione. Altre volte può invece essere la causa stessa dell’insorgenza della mastodinia.

  • I farmaci antinfiammatori possono esserti d’aiuto se il dolore è particolarmente forte. Prima però consulta il medico.

  • In certi casi si dimostra utile ricorrere all’olio di primula perché in grado di ristabilire una corretta sensibilità agli estrogeni.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta