2019/07/21 03:17:2443735
2019/07/21 03:17:2519601

PULITO IN 7 PASSI

Prodotti per pulire la pietra: consigli utili

LEGGI IN 4'

All’interno della vasta gamma di materiali da costruzione disponibili sul mercato, la pietra è uno dei più usati fin dall’antichità non solo per pavimentare o rivestire superfici verticali, ma anche per realizzare oggetti d’arredo e ornamentali. Monumenti, colonne, capitelli, pavimentazioni di piazze: senza la pietra molti dei centri storici delle nostre città non avrebbero quell’aura di eleganza e imperturbabilità sotto cui oggi li ammiriamo.

Esistono diversi tipi di pietra naturale, caratterizzati ciascuno da un colore diverso, ma tutti hanno in comune un’elevata resistenza a intemperie e sollecitazioni - motivo per cui la pietra è impiegata principalmente nella decorazione di ambienti esterni. Anche nelle nostre case è ormai molto comune trovare la pietra nelle rifiniture o pavimentazioni di terrazzi, balconi, vialetti, scale e camini: le sue proprietà di solidità e robustezza non devono però far passare in secondo piano la necessità di un’adeguata manutenzione.


La porosità caratteristica della pietra usata per interni ed esterni, insieme alla sua perenne esposizione ad aria, raggi solari, pioggia e inquinamento, fanno sì che essa sia soggetta a infiltrazioni di acqua e ad annerimenti causati da polvere, muffa e smog. Proprio in virtù della sua natura altamente assorbente, pulizia e cura della pietra devono essere eseguite con prodotti appositi, non troppo aggressivi, né acidi. Sostanze di questo tipo, infatti, possono penetrare in profondità nella pietra correndo il rischio di rovinarla irrimediabilmente.
Ecco, dunque, alcuni suggerimenti di manutenzione e consigli di prodotti per pulire la pietra in modo sicuro ed efficace (leggi anche come pulire la pietra serena, lavica e porfido).

Scopri anche come pulire il travertino!

Prodotti per pulire la pietra serena

La pietra serena è una pietra arenaria di colore grigio-azzurrognolo, le cui cave sono presenti soprattutto in Toscana - non a caso è stata largamente impiegata nell’architettura fiorentina. Come tutte le rocce arenarie, la pietra serena è composta da granuli di sabbia quarzosa sedimentata e cementata, ma la sua trama si distingue per la presenza di puntini lucenti dovuti alla presenza di un minerale, la mica.     

A causa della sua porosità, è bene che i prodotti per pulire la pietra serena siano detergenti delicati, a PH neutro, come il Bref Brillante Superfici Pregiate. Prima di passare il Bref sulla tua superficie in pietra con un panno Vileda pavimenti in microfibra o in Tessuto-non-Tessuto, abbi cura di rimuovere la polvere depositata con una scopa o un panno morbido, a seconda che si tratti di un pavimento o di un ripiano. La formula anti-assorbimento di Bref Superfici Pregiate è studiata appositamente per evitare che il detergente ristagni a lungo sulla pietra penetrando al suo interno: evaporando rapidamente, farà in modo che l’umidità non possa scalfirla!  

Leggi anche la guida su come pulire il marmo!

Prodotti per pulire la pietra leccese

La pietra leccese è una roccia calcarea tipica del Salento. Detta anche “pietra gentile”, la sua formazione risale al principio del Quaternario, quando il graduale abbassamento del livello del mare ha dato il via alla sedimentazione di materiali sabbiosi e argillosi. Il giallo paglierino caratteristico degli edifici barocchi di Lecce è dato proprio dalla tipica varietà di giallo della pietra leccese. Molto malleabile, la pietra leccese è indicata soprattutto per rivestimenti, d’esterni e d’interni.

Essendo a grana fine, la pietra leccese è più sensibile di altre pietre naturali a infiltrazioni di vario genere, soprattutto se usata per esterni. Per questo, prima di procedere alla sua detersione con un detergente delicato sarebbe opportuno rimuovere a fondo ogni residuo di sporco depositato sulla superficie. Una lucidatrice con spazzole abrasive sarebbe l’ideale per eliminare le macchie che non ne vogliono proprio sapere di andar via, altrimenti prova con una soluzione cremosa di acqua e bicarbonato applicata localmente. Dopo aver rimosso polvere, muffa e quant’altro, procedi alla pulizia con un panno in microfibra e un prodotto a PH neutro, ideale per donare alla pietra la sua brillantezza originaria!

Prodotti per pulire la pietra lavica

La pietra lavica è un basalto originato dal raffreddamento della lava in superficie, dal caratteristico color nero. Le cave di questo materiale si trovano soprattutto in Sicilia: da esse si estrae una pietra praticamente indistruttibile perché molto resistente agli sbalzi termici. Largamente impiegata per l’arredo urbano, la pietra lavica viene lavorata sempre più per realizzare camini, top per bagni e cucine, fioriere, tavoli per interni ed esterni. 

Anche la pietra lavica è molto porosa e - nonostante resista meglio di altre pietre naturali all’azione dell’acqua e dell’umidità - è comunque sempre opportuno lavarla con detergenti non aggressivi e panni morbidi, per evitare che si rovini o righi. Come per le varietà di pietre viste finora, uno dei prodotti più indicati per pulire la pietra lavica è il tuo Bref Superfici Pregiate, che puoi passare sulla tua superficie in pietra - dopo aver rimosso la polvere - con l’aiuto di un panno Vileda Tessuto-non-Tessuto imbevuto d’acqua, ma ben strizzato. Usando periodicamente un detergente delicato di questo genere, assicurerai alla pietra splendore e brillantezza nel tempo!




Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.
Silvia

ho pietra in casa ed utilizzo bref..ottimo davvero!!

2 anni fa

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicchi su “Prosegui con la navigazione”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Prosegui con la navigazione