ERBORISTERIA

I rimedi naturali migliori contro la tosse da reflusso gastrico

LEGGI IN 2'

Quando soffriamo di reflusso gastrico, sperimentiamo una serie di antipatici disturbi collegati a questo problema. Uno di questi è la tosse, che si presenta solitamente dopo i pasti e soprattutto quando siamo in posizione distesa e favoriamo quindi il ritorno dei succhi gastrici verso la gola, irritandola e arrossandola.

Per nostra fortuna, anche senza usare gli antiacidi chimici, possiamo combattere la tosse da reflusso gastrico anche in modo naturale, con rimedi poco invasivi ma che funzionano. Il primo più che altro è un piccolo cambio di abitudini, che può aiutarci a limitare il disagio e ridurre in questo modo i danni da reflusso sul nostro cavo orofaringeo.

Stiamo ovviamente parlando di pasti frequenti ma leggeri, facili quindi da digerire e meno problematici per il nostro stomaco. Evitiamo invece caffè e bevande gassate, che possono peggiorare l'acidità e cerchiamo di distanziare la cena il più possibile dal momento di coricarsi.

Oltre a questo, mai farci mancare il buon vecchio bicarbonato di sodio, che vale sia come antiacido naturale sia come antinfiammatorio locale. Nel primo caso sciogliamo un cucchiaino del primo in un bicchiere d'acqua e sorseggiamo per placare l'acidità di stomaco, nel secondo caso usiamo la stessa soluzione per fare gargarismi che diano sostegno alla gola irritata.

Molto buoni sono poi gli infusi che la tonificano e fungono da emollienti, ottimi rimedi naturali per sanificare il cavo orale ed evitare gli accessi di tosse. Uno di questi è il tè alla liquirizia e la tisana alla melissa, che aiutano anche a placare l'irritazione della mucosa gastrica.

Da non dimenticare anche l'aloe vera in gel, che va assunta una decina di minuti prima dei pasti per aiutare sia a digerire meglio, sia a proteggere le mucose dall'acidità gastrica. Avremo beneficio anche a livello di gola, limitando l'antipatica tosse da reflusso.

Ricordiamoci però che l'aloe non va mai assunta durante la gravidanza, in quanto stimola le contrazioni uterine. Per quanto riguarda la liquirizia invece, limitiamone l'assunzione qualora avessimo problemi di pressione alta, in quanto può influire negativamente.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta