SCUOLA

Scuole all’aperto: i pro e contro

LEGGI IN 2'

Educare all’aria aperta è un metoto didattico molto diffuso nei paesi nordici che nasce a partire dagli anni ’90 (con l’esperienza dell’asilo nel bosco), ma in questi ultimi dieci anni sta prendendo piede gradualmente anche in Italia. L'educazione basata sull'esperienza diretta e su una serie di attività giocose e creative, principi fondamentali cari al maestro Bruno Munari, e al pedagogo e direttore didattico Gianfranco Zavalloni, autore dei “Dieci diritti naturali dei bambini”. 

Attualmente, alcune scuole dell’infanzia e primarie (ma anche qualche asilo nido) italiane, organizzate in rete, adottano questo metodo di educazione all'aria aperta.

Scuole all'aperto, i motivi a favore 

Imparare senza gabbie, restrizioni ed orari da rispettare è divertente e coinvolgente per i più piccoli. Banchi portatili, scarpe comode, mantelline antipioggia, coperte e materiali che si trovano nel bosco come sassi, rametti, corteccia, pigne sono gli ingredienti essenziali per fare scuola all’aperto. E i bambini si muovono grazie all'apporto di educatori e maestri con naturalezza, gioia, hanno un migliore atteggiamento sociale tra pari, e si pongono tante domande in un ambiente ricco di stimoli.

Scuole all’aperto, i motivi contro

Per i bambini che saranno gli adulti di domani, è benefico muoversi liberamente a contatto con la natura, anche per conoscerla, ma appena usciti da questo tipo di scuola dovranno di nuovo scontrarsi con il vivere sociale, le restrizioni, regole e pareti che questo ci impone. Possono, così, trovarsi in difficoltà non avendo appreso gli strumenti adeguati per difendersi, già a partire dalla scuola secondaria. La natura da sola non è sufficiente per educare.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta