2019/09/22 23:30:0936158
2019/09/22 23:30:0925595

SCUOLA DI CUCINA

La piadina di San Marino: la ricetta tipica

La piadina può essere un'idea sfiziosa per un pranzo veloce, ma anche per un aperitivo "vestito" con gli amici. Se hai voglia di misurarti in cucina, prova questa ricetta con la "piada" di San Marino, un'alternativa valida e gustosa a quella romagnola.
LEGGI IN 3'

La Serenissima Repubblica di San Marino è un piccolo pezzettino di terra completamente indipendente tra l'Emilia Romagna e le Marche, con cui condivide il clima, la bellezza del territorio ma anche le tradizioni culinarie. San Marino è caratterizzata da stradine strette, piene di botteghe artigianali e da ben 9 castelli. La nona tappa del Giro d'Italia si "arrampicherà" proprio tra le tortuose vie di questo microstato montuoso e Bio Presto, fornitore ufficiale della manifestazione, coglie l'occasione per andare alla ricerca dei piatti locali e delle eventuali macchie da sconfiggere.

Secondo una nota leggenda la Repubblica sarebbe stata fondata il 3 Settembre del 301 d.c da un tagliapietre di nome Marino venuto dalla Dalmazia per sfuggire alle persecuzioni cristiane. Sul Monte Titano, il più alto dei setti colli su cui sorge la Repubblica, si stabilì una comunità cristiana e con il tempo venne chiamato "Terra di San Marino" in memoria del fondatore, che prima di morire disse alla sua gente: "Reliquo vos liberos ab utroque homine", ovvero "Vi lascio liberi da ambedue gli uomini". Chi sono questi uomini? Il Papa e l'imperatore. Ha sottolineato così l'indipendenza del Paese.

A San Marino puoi mangiare una buonissima piadina, proprio come quella che trovi in Romagna, anche se leggermente più sottile. La puoi accompagnare con formaggi, carne, ma anche verdure e può essere l'alternativa sfiziosa al panino o la protagonista perfetta per un aperitivo.

Ricetta della piadina di San Marino

Gli ingredienti per fare una buona piadina sono pochi ma bisogna fare attenzione alle dosi. Procurati: 1 kg di farina 00, 4 gr di bicarbonato di sodio, 150 gr di strutto (come alternativa puoi usare mezzo bicchiere di olio extravergine di oliva), sale e acqua tiepida q.b.

Ora su un'asse di legno metti la farina a fontanella (creando una sorta di buco in mezzo) e aggiungi il bicarbonato, il pizzico di sale e lo strutto. Gira gli ingredienti con una forchetta. A questo punto unisci un po' alla volta l'acqua tiepida e impasta. Devi ottenere un prodotto abbastanza sodo (non deve appiccicare le mani). Avvolgilo in uno strofinaccio di cotone pulito e lascialo riposare un'ora.

A questo punto suddividi l'impasto in pagnottelle, che una volta distese con il mattarello devono formare delle piade di circa 25-30 cm di diametro. L'altezza è di un 2/3 millimetri. Non di più. Puoi procedere a cuocere la piadina su una teglia in ghisa bella calda su fuoco allegro.

A cosa fare attenzione quando si prepara la piadina di San Marino

Prima di tutto la cottura della piadina deve essere veloce, per questo motivo la teglia deve essere preriscaldata. Si consiglia di bucare la piada con una forchetta da entrambi i lati affinché la cottura avvenga anche all'interno. E poi fai attenzione quando la farcisci. Quella tradizionale ha al suo interno lo squacquerone, che è un formaggio morbido molto gustoso: tra un morso e l'altro è facile sporcarsi e gli aloni non sono semplici da rimuovere. In caso dunque di macchie da squacquerone non perderti d'animo, lava delicatamente il capo e aiutati con Bio Presto.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicchi su “Prosegui con la navigazione”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Prosegui con la navigazione