SCUOLA DI CUCINA

Piadina fatta in casa senza lo strutto: come farla

LEGGI IN 2'

La piadina romagnola è un grande classico della cultura enogastronomica di alcuni comuni dell’Emilia-Romagna e delle Marche. Si prepara con pochi ingredienti selezionati e poi si farcisce a piacere con formaggi, verdure e affettati, diventando uno dei cibi da strada più apprezzati, ma sempre di più anche un pasto da gustare comodamente seduti nei ristoranti.

Di certo la ricetta originale della piada, quella con farina di grano, strutto, bicarbonato e sale resta sempre la più gettonata. Ma in molti oggi preferiscono la versione con olio extravergine di oliva, che elimina l’ingrediente animale, rendendosi adatta anche a chi segue una dieta vegetariana e diventando più leggera e digeribile.

Per la piadina fatta in casa senza lo strutto serviranno mezzo chilo di farina, 220ml di acqua tiepida, 50ml di olio extravergine di oliva, mezzo cucchiaino di bicarbonato, un cucchiaino di sale fino marino. Questi dosaggi bastano per circa 5 piadine di grandezza normale.

In una ciotola setacciamo la farina e aggiungiamo sale e bicarbonato, mescolando bene e facendo al centro una fontana. A questo punto versiamo l’olio e l’acqua a filo, mescolando dal centro verso l’esterno fino a quando il composto non diventa morbido ed elastico, il che significa che possiamo farlo riposare per una mezz’ora coperto da pellicola trasparente.

Quando versiamo l’acqua ricordiamoci di non aggiungerla troppo velocemente, ma poca per volta, in quanto potrebbe volercene anche meno di 220ml a seconda dell’umidità del momento. Il panetto, dopo che ha riposato, può essere diviso in cinque pallette, da far riposare altri 5-10 minuti.

A questo punto infariniamo leggermente il piano da lavoro e stendiamo ogni porzione di impasto, dando una forma rotonda. Ungiamo una padella della grandezza adeguata per farci stare comodamente la piadina e mettiamola sul fuoco a scaldare, oppure adoperiamo una padella antiaderente senza aggiunta di grasso.

Le nostre piadine fatte in casa senza lo strutto dovranno cuocere per pochi minuti a fiamma viva, girandole da ambo le parti. Quando saranno pronte le potremo farcire a piacere con il classico squacquerone, lo speck e la rucola, o anche con funghi e pomodorini. Il limite è solo la fantasia.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta