BELLEZZA

Manicure curativa vs manicure estetica, quali sono le differenze?

La manicure, così come la conosciamo, è una questione prettamente estetica. Se dovessi avere ragadi, infezioni, micosi o unghie così mangiate da deformare le dita, devi rivolgerti a un medico. In questo caso potrebbe essere necessario un trattamento curativo.
LEGGI IN 1'

La manicure è quasi sempre estetica. Se hai da regolare le unghie, togliere le pellicine e applicare lo smalto, devi affrontare la classica manicure di routine? Diventa curativa se soffri di ragadi, se hai le unghie così mangiate da essere molto incarnite, se hai delle micosi. Normalmente questa differenza è più frequente nella pedicure, perché i piedi – essendo costretti nelle scarpe per lunghe ore al giorno – sono più soggetti a problemi patologici.

È chiaro, quindi, che la manicure estetica - come indicato dal nome stesso - è in realtà un trattamento di competenza estetica / che riguarda l'estetica, finalizzata alla cura dell'aspetto delle tue mani e delle tue unghie... è anche un momento rilassante da dedicarti.

Con il termine manicure terapeutica o curativa si indica un trattamento per coloro che soffrono di problematiche più complesse, legate non all'aspetto puramente estetico ma allo stato di salute.  È dunque di competenza medica: puoi rivolgerti al podologo o al dermatologo, che probabilmente ti saprà consigliare anche un estetista competente in questo settore.

È ancora più evidente la necessità di un medico se dovessi avere delle verruche, che sono piccole infezioni virali che colpiscono la pelle. Sono comunemente riconoscibili per la loro superficie ruvida e ondulata e possono causare una sensazione di disagio e dolore.  

Considera poi un altro problema: spesso i problemi delle unghie delle mani sono proprio causate dalle manicure estetiche: infezioni per strumenti poco puliti, macchie o micosi per applicazione di smalti soffocanti o di bassa qualità.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione