RICETTARIO

Limoncello fatto in casa, la ricetta della nonna

PREPARAZIONE

Il limoncello fatto in casa è una ricetta da provare assolutamente per stupire tutti i nostri ospiti dopo cena, con un liquore che profuma di un agrume che è tipico della macchia mediterranea. Con la ricetta della nonna non si può mai sbagliare. Pochi ed essenziali ingredienti per un procedimento da seguire passo dopo passo per ottenere un risultato eccezionale.

I limoni non devono essere troppo maturi. E non devono essere trattati. Meglio se sono bio o se arrivano da un giardino vicino casa. Il limoncello non è difficile da preparare, ma ha bisogno di tempo per poter garantire quel sapore che da ghiacciato rende unico ogni fine pasto. Si può conservare a lungo e può diventare anche un'ottima idea regalo o bomboniera.

Come si prepara il limoncello

Laviamo i limoni non trattati. Togliamo la buccia cercando di evitare la parte bianca, che è più amara del resto. Facciamo macerare le bucce dei limoni in un ampio recipiente di vetro nel quale andremo ad aggiungere l'alcol puro. Copriamo con un coperchio e lasciamo riposare per almeno una ventina di giorni in un ambiente ombreggiato, al fresco e lontano da fonti di luce e di calore.

Trascorso il tempo necessario per "insaporire" l'alcol, facciamo bollire l'acqua con lo zucchero. Quando si sarà sciolto, lasciamo raffreddare lontano dal fuoco.

Eliminiamo le bucce dei limoni dall'alcol e aggiungiamolo allo sciroppo di zucchero ormai freddo.

Travasiamo il limoncello nelle bottigliette pulite e steriizzate e lasciamo a riposo per almeno un mese.

Dopo 30 giorni il liquore va filtrato più volte, fino a ottenere il classico colore giallo del limoncello. Conserviamolo in frigo o in freezer.

Ricordiamoci di servirlo bello freddo ai nostri ospiti dopo un pranzo o una cena. 

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione