GRAVIDANZA

Gravidanza, bisogna togliere il piercing all’ombelico?

LEGGI IN 1'

Quando ti sei fatta il piercing, l’ultima delle cose a cui pensavi era probabilmente una gravidanza. Questo orecchino può diventare un problema in base alla zona del corpo in cui si trova. Durante la gestazione, gioielli e anelli al naso possono rimanere, e non sei obbligata ad abbandonare i piercing ai capezzoli o all'ombelico, se ci sono alcune necessità. Quali sono le situazioni “a rischio”?

Se hai molta tensione al seno o la pancia è diventa grande e il piercing ti dà fastidio, si consiglia di rimuoverlo. Così come si consiglia di non indossare gioielli durante il travaglio. Un anello al naso o alla lingua può essere di intralcio se dovessi aver bisogno di un'anestesia generale.

I piercing ai genitali sono un’altra storia. Ci sono donne che partoriscono bambini indossando gioielli genitali, ma il consiglio degli esperti è quello rimuoverli prima del travaglio e del parto. Come mai? Il passaggio del bambino attraverso il canale del parto potrebbe provocare lesioni e strappare i piercing provocando traumi alla mamma, ma anche al bambino stesso. A seconda della politica dell'ospedale, potresti essere in grado di lasciare i gioielli genitali in posizione se viene eseguito un taglio cesareo, ma questo varierà da persona a persona e da procedura a procedura.

Si può allattare con un piercing al capezzolo? La presenza di orecchino non ha alcun effetto sulla tua capacità di produrre latte materno, ma un gioiello al capezzolo è un potenziale rischio di soffocamento, quindi è meglio toglierlo fino a quando smetti di allattare.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione