NOTIZIE D

Franco Loi: 3 poesie da leggere con calma

LEGGI IN 3'

Franco Loi è morto il 4 gennaio 2021 a Milano. Il poeta, che scriveva poesie in dialetto milanese, era nato a Genova il 21 gennaio 1930.

Tra le altre opere, ricordiamo 'Strolegh', ‘L'aria de la memoria’, ‘Isman’, ‘L'angel’, ‘Voci d'osteria’


Franco Loi: 3 poesie da leggere con calma
Ecco la selezione di componimenti poetici di Franco Loi:

Da L’Angel
Mì sun pari a quèl giass che se fa aqua
e vöj de aria pö sparìss nel ninet,
un nient che fâ de aria amô piang aqua
e l’aqua nel vègn giò l’è giass o név:
sun mì che pensi ma mì che sun pensâ,
e d’aria i mè penser paròll d’amur
che denter l’aqua fan penser de nient,
ché amô i reflèss s’enventen i penser
e mì nel crèss del nient me fù la vita
che semper sta ne l’aria e dré del giass,
‘me l’umbra che ne l’umbra la se quièta,
el rìdd che sta nel giögh di so vardàss.

Io sono simile a quel ghiaccio che si fa acqua
e vuoto d’aria poi sparisce nel nulla,
un niente che fatto d’aria ancora piange acqua
e l’acqua nel venir giù è ghiaccio o neve:
sono io che penso ma io che sono pensato,
e d’aria i miei pensieri parole d’amore
che dentro l’acqua creano pensieri di niente,
ché ancora i riflessi si inventano i pensieri
e io nel crescere del nulla mi faccio vita
che sempre sta nell’aria e dietro il ghiaccio,
come l’ombra che nell’ombra si fa quieta,
il ridere che ristà nel gioco dei suoi guardarsi


Da Isman
La lüs ghe piöv adoss cuffie a vèss nostra.
Se vardi el ciel, vardi nel cör la vita
e vedi poch de l'umbra che me véd,
là i nüver paren prèj e in de aqua
ch' aj buff del vent se fann d'aria e de nient,
ma dré del nient amô passa la vita,
la lüs che se fa furmia aj vûs del vent.

La luce ci piove addosso come nostra.
Se guardo il cielo, guardo nel cuore la vita
e vedo poco dell'ombra che mi vede,
là le nuvole sembrano pietre e sono d'acqua
che agli sbuffi del vento si fanno d'aria e di niente,
ma dietro il niente ancora passa la vita,
la luce che si fa forma alle voci del vento.


Da "Lünn" 
Forsi û tremâ cume de giass fa i stèll,
no per el frègg, no per la pagüra,
no del dulur, legriâss o la speransa,
ma de quel nient che passa per i ciel
e fiada sü la tèra che rengrassia…
Forsi l’è stâ cume che trèma el cör,
a tí, quan’ne la nott va via la lüna,
o vegn matina e par che ‘l ciar se mör
e l’è la vita che la returna vita…
Forsi l’è stâ cume se trèma insèm,
inscí, sensa savèl, cume Diu vör…

Forse ho tremato come di ghiaccio fanno le stelle,
no per il freddo, no per la paura,
no del dolore, del rallegrarsi o per la speranza,
ma di quel niente che passa per i cieli
e fiata sulla terra che ringrazia...
Forse è stato come trema il cuore,
a te, quando nella notte va via la luna,
o viene mattina e pare che il chiarore si muoia
ed è la vita che ritorna vita...
Forse è stato come si trema insieme,
così, senza saperlo, come Dio vuole...

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta