2019/07/19 09:01:193349
2019/07/19 09:01:193080

SCUOLA DI CUCINA

Focaccia novese fatta in casa: la ricetta della tradizione di Novi Ligure

LEGGI IN 3'

Piemontese di nascita, amata e adottata in tutta la penisola, la focaccia novese è la ricetta di cui parleremo oggi, onorando l'undicesima tappa del Giro d'Italia 2019, che ferma a Novi Ligure. Bio Presto, fornitore ufficiale del Giro, ci accompagna fra le tradizioni culinarie locali del Belpaese e fra le macchie più comuni da sconfiggere.

Anche se il nome può trarre in inganno sulla regione che lo accoglie, il comune di Novi Ligure è un paese di quasi 30mila abitanti in provincia di Alessandria, in Piemonte. Sito a soli 30km dal Parco Naturale delle Capanne di Marcarolo, Novi è un luogo dove le dolci colline si alternano a campi coltivati a vite, senza dimenticare la presenza circostante di boschi.

Il clima è temperato, anche se non mancano mesi in cui il termometro scende o sale molto. Gennaio è senza dubbio quello più freddo e spesso nevoso, mentre a luglio e agosto l'asticella può salire anche fino ai 30° C.

I mesi primaverili e quelli autunnali sono certamente i migliori per una gita a Novi Ligure, dove il Castello e il Museo del ciclismo sono senza dubbio fra i luoghi dove vale la pena fare una visita. Non solo, perché questo comune piemontese è famoso anche per la sua tradizione enogastronomica e in particolare per la cosiddetta focaccia novese, tanto semplice come ingredienti e tanto buona come sapore.

Focaccia novese fatta in casa, la ricetta

Per fare a casa la focaccia novese gli ingredienti sono: 1Kg di farina doppio zero di tipo forte, ½ litro di acqua tiepida, 50gr di olio extravergine di oliva, 40gr di strutto commestibile vergine, un panetto di lievito da 25-30gr, 20gr di sale marino (per la salamoia), 10gr di estratto di malto.

Versiamo la farina nella planetaria insieme all'estratto di malto e poi aggiungiamo lo strutto. Sbricioliamo il lievito nell'acqua tiepida, poi versiamo poco alla volta nella planetaria in funzione con attrezzo a spirale, facendo andare per 20 minuti.

Lasciamo riposare l'impasto per un quarto d'ora, dopo di che stendiamolo sul piano da lavoro infarinato e procediamo con la piegatura. Facciamolo riposare altri 15 minuti e suddividiamo l'impasto in porzioni, oliamo le teglie e passiamo ad una prima stiratura, spennellando con un po' di olio la superficie. Facciamo riposare ancora un quarto d'ora.

Riprendiamo l'impasto, spennelliamo con ancora un velo di olio e stiriamo la pasta, bagnandola con acqua e sale e creando degli alveoli con le dita. Lasciamo riposare l'impasto mezz'ora e poi inforniamo a 230° C per circa 20 minuti. In uscita spennelliamo con il restante olio.

Focaccia novese, note di preparazione

Il procedimento per fare la focaccia di Novi Ligure non può prescindere dalle fasi di riposo dell'impasto descritte sopra, che permettono alla pasta di essere sottile e fragrante dopo la cottura, ma anche facile da stendere e lavorare una volta messa in teglia.

Durante la preparazione occhio però all'olio e allo strutto, grassi che possono macchiare i nostri abiti, così come grembiuli e strofinacci usati durante l'esecuzione della ricetta. Se questo accade, trattiamo subito le macchie di unto con detergenti adatti.

Macchie di olio o strutto? Trattiamole con Bio presto, il nostro alleato del pulito.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicchi su “Prosegui con la navigazione”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Prosegui con la navigazione