GRAVIDANZA

Epidurale, pro e contro dell'anestesia

Le donne oggi devono essere libere di scegliere come desiderano affrontare la nascita del loro bambino e soprattutto di lasciarsi alle spalle il famigerato "partorirai con dolore". L'epidurale è una procedura semplice che permette di ridurre il dolore delle contrazioni, non è però priva di effetti collaterali.
LEGGI IN 2'

L'anestesia epidurale è un argomento molto caro alle donne in gravidanza, che spesso decidono di scegliere un ospedale invece di un altro proprio perché garantisce la presenza di un anestesista 24 ore su 24 e 7 giorni su 7. Ci sono strutture, in Italia, in cui l'epidurale è garantita solo in alcune fasce orarie con Servizio Sanitario Nazionale, mentre in altre bisogna richiederla privatamente. E non tutti possono permettersela (il costo medio è di 1.500 euro).

Che cos'è l'anestesia epidurale

L'analgesia epidurale è un'anestesia attraverso cui si posiziona, tramite un ago sottilissimo, un catetere nello spazio epidurale per somministrano anestetici locali e analgesici. La procedura dura in tutto circa 10 minuti, non è dolorosa ma fastidiosa e viene effettuata con la donna in posizione seduta, e piegata in avanti. L'analgesia si fa in fase di travaglio attivo e non durante la fase espulsiva, di norma. Quando i farmaci entrano in circolano la donna riesce a camminare, a spingere e percepisce le contrazioni. È tutto semplicemente attenuato: il dolore si riduce notevolmente, non sparisce del tutto.

Pro dell'epidurale

- È indicata per le donne molto stressate, che soffrono di ipertensione

- Migliora lo stato psicofisico della donna nel parto indotto

- Rende il travaglio più dolce e di conseguenza meno stanche

- Può servire come anestesia in caso di cesareo

- Può essere utilizzata dopo il parto per rendere meno dolorosi i punti di sutura

Contro dell'epidurale

- Il travaglio diventa un po' più lungo, soprattutto se l'anestesia è fatta tardi

- Aumenta il rischio ventosa

- Aumenta il rischio episiotomia

- Può avere effetti collaterali come cefalea e indolenzimento lombare nei giorni successivi

- Non è indicata in donne con malattie emorragiche, in terapia anticoagulante e con pregressi interventi sulla colonna vertebrale.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta