CURARE LE PIANTE

Come curare le orchidee? Suggerimenti pratici

LEGGI IN 2'

Come curare le orchidee? Quanto sole devono prendere? Di quanta acqua necessitano per restare in salute? Ecco una breve ma esaustiva guida, dove potrai trovare tutte le indicazioni utili per prenderti cura della tua orchidea senza spendere un capitale e senza dedicarle troppo tempo. 
Solitamente si è portati a pensare che questo tipo di pianta abbia bisogno di temperature molto elevate per poter vivere a lungo e in salute, ma è soltanto una convinzione errata.

In realtà, per curare un’orchidea bastano alcune semplici regole da seguire con cura e pazienza. 
Innanzi tutto, è bene sapere che l’annaffiatura delle orchidee è molto diversa rispetto a quella delle altre piante da balcone: per idratarla basta utilizzare un nebulizzatore da spruzzare ogni 3-4 giorni sulla superficie del terriccio e sulla corteccia che avvolge le radici.

Un’alternativa, ancora più semplice e meno impegnativa, è farle il cosiddetto “bagnetto”: basta immergere la pianta con tutto il suo vaso in un catino di acqua (oppure direttamente nel lavandino del bagno o in alternativa nella vasca) e lasciarla così per circa 30 minuti, in modo da far arrivare l’acqua anche nelle radici più nascoste. Questa operazione deve essere ripetuta ogni 14-15 giorni.

Come accennato, il terriccio ideale per l’orchidea è la corteccia. Puoi acquistare il composto direttamente dal vivaio, specificando che è destinato all’orchidea: si tratta di un misto di cortecce di vario tipo, fibre, torba, bucce di frutta secca e poca terra, che caratterizzano il composto ideale per la salute della pianta. 
Per quanto riguarda la concimatura, andrebbe fatta ogni due settimane circa utilizzando concimi in fialette specifici per le orchidee: unito all'acqua e nebulizzato sulla pianta permetterà alla tua orchidea di crescere in salute. 
Un altro accorgimento importante è garantire sempre la presenza della luce piena: la posizione ideale per l’orchidea, infatti, è vicino ad una finestra costantemente illuminata.
Infine, è bene pulire e potare la pianta quasi quotidianamente: quando le foglie tenderanno ad ingiallirsi e le radici a seccarsi, è bene rimuoverle immediatamente.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione