BENESSERE

Cosa mangiare quando si soffre di ansia

Sei molto stressata, fatichi a rilassarti ma non vuoi prendere integratori alimentari o farmaci. Potresti provare a curare un po' di più la tua alimentazione. Ecco qualche consiglio per affrontare l'ansia in modo naturale.
LEGGI IN 2'

Soffrire di ansia è un problema diffuso. Si manifesta in modi diversi. C’è chi non riesce a dormire, chi fatica a concentrarsi, chi è sempre nervoso o soffre di mal di stomaco. Esistono numerose prove che suggeriscono che la salute intestinale possa influenzare i sintomi della salute mentale e dello stress, aggiungendo un peso al ruolo che l'intestino svolge come guardia del corpo del sistema immunitario e neurologico. Che cosa significa? Che ci sono dei cibi che potrebbero aiutarti a gestire lo stress.

Sebbene non ci sia un alimento magico in grado di "curare" o "trattare" l'ansia e la depressione, ne esistono alcuni che possono influenzare il tuo umore, svolgere un ruolo di sedativo e di conseguenza migliorare il riposo notturno.

Ciliegie. Contengono antiossidanti come la quercetina, che può aiutare a promuovere la calma. Mangiare più frutta e verdura in generale è stato anche collegato alla diminuzione dei sintomi di ansia e depressione e all'aumento dei livelli di felicità.

Camomilla. Chi non ama una tazza di tè caldo e rilassante dopo una lunga giornata? Prova però a rinunciarci a favore della camomilla.

Kiwi. Alcuni studi iniziali indicano che la combinazione di vitamine C ed E più acido folico possa aiutare a ridurre lo stress ossidativo, che può portare a infiammazione cronica. Inoltre, può promuovere la produzione di serotonina, il neurotrasmettitore associato al benessere e alla felicità.

Avocado. Questo frutto ricco di nutrienti è pieno di vitamina B6 e magnesio, una combinazione che può aiutare la produzione di serotonina. L'aggiunta di fette di avocado a una frittate, alle insalate e persino ai frullati ti aiuterà anche a seguire una dieta più ricca di fibre e grassi polisaturi essenziali.

Cereali integrali. I prebiotici alimentano i probiotici  in modo che i batteri buoni possano sopravvivere e prosperare nel tuo intestino. Li trovi in ​​cereali integrali al 100% come avena, orzo e crusca, oltre a vari frutti, verdure e fagioli. Mangiarli aiuta i recettori della serotonina a funzionare correttamente e sono stati collegati alla riduzione del rischio di malattie croniche.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione