FIGLI

Consigli per non urlare con i figli

Sgridare i bambini urlando non è mai la soluzione, anche perché le urla, purtroppo, non sono mai un mezzo di comunicazione efficace. Si rischia di disperdere il messaggio educativo.
LEGGI IN 1'

I genitori urlano in continuazione. Vedono i loro figli litigare o il bambino fare qualcosa che non approvano, e così si lasciano semplicemente andare. È una sorta di risposta automatica. Ma è il modo corretto di comunicare? La risposta è no. Che cosa puoi fare?

Dai un avvertimento ai bambini. È giusto avvertire i bambini, poiché stanno ritardando l'ora di andare a letto o litigando in macchina, che stai per gridare. Quell'avvertimento sobrio a volte può essere sufficiente per convincere i bambini a smorzarli. Gli avvertimenti consentono inoltre ai bambini di prepararsi mentalmente per una transizione.

Prenditi una pausa. La strategia di calma migliore è andare in bagno, urlare nella toilette (invece che ai tuoi figli) e riprendersi. È l'equivalente di prendersi una pausa: lasciare fisicamente la stanza e poi avere una strategia per ricomporsi, sia che si tratti di stringere una palla antistress o di mandare il coniuge a trattare.

Insegna la lezione più tardi. Gridare non è comunicare: in realtà mina la legittimità delle preoccupazioni dei genitori e incoraggia i bambini a chiudere i battenti invece di ascoltare. La cosa migliore è lasciare passare il momento e poi spiegare che cosa non ha funzionato quando tutti siete tranquilli.

Sii proattivo. Se uscire di casa la mattina si trasforma sempre in una partita di urla, ad esempio, prepara tutto la sera prima.

Adatta le tue aspettative. Con i bambini, mantenere le aspettative realistiche è la chiave. Parte del motivo per cui gridiamo è perché le nostre grandi speranze per un'uscita o un evento non soddisfano la realtà.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione