RAZZE

Bracco di Weimar - Cani da Caccia

LEGGI IN 1'

Con il suo caratteristico mantello grigio argento e il portamento elegante, il Bracco di Weimar era apprezzatissimo in Germania, la sua terra di origine, dove, fino agli anni Trenta del XX secolo, ha costituito uno status symbol dell'aristocrazia. Da allora ha riscosso grande successo internazionale e lo si vede frequente nelle prove di lavoro e nelle esposizioni

Caratteristiche

Origini

la razza fu selezionata presso la corte del granduca Carlo Augusto dei Weimar intorno al 1810. L'intento era quello di ottenere un perfetto compagno per la caccia, utilizzando cani da ferma tedeschi, con l'apporto di sangue del Cane di Sant'Uberto per acuirne l'olfatto e di segugi francesi per accrescerne la velocità e potenziarne il vigore. Il Bracco di Weimar fu impiegato per la caccia di grandi mammiferi come l'orso e il cinghiale.

Aspetto

Due peculiarità del Bracco di Weimar sono il colore insolito del mantello, liscio e lucente, e quello degli occhi, che può variare dall'ambrato al grigio o girgio-azzurro. La testa è lunga, con orecchie attaccate alte e leggermente arricciate. Gli arti anteriori sono forti e diritti, i posteriori molto muscolosi e tali da sostenere un passo leggero e flessuoso. Il dorso non deve essere insellato

Colore

Da grigio argento a grigio topo scuro.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta