ALTRI ANIMALI

Acquario senza problemi

L'acquario, un mondo sommerso in miniatura che affascina e cattura l'attenzione, perché riesce a portare nelle nostre case un pezzetto di natura. Ma come tutte le cose non va affrontato con leggerezza, prima di allestire a casa un acquario è bene prepararsi ed informarsi per bene.
LEGGI IN 2'

Gestire un acquario in casa, infatti, richiede regole ben precise, che permetteranno ai nostri pesci di vivere in buona salute per molto tempo. Negli ultimi anni i prezzi sono diminuiti, mentre le tecnologie per la manutenzione e il funzionamento dell'acquario si sono fatte molto più evolute.

Occorrerà quindi scegliere bene quali tecniche usare, quali materiali, misure e spessore dei vetri, a seconda delle proprie esigenze di tempo e di spazio. Il materiale più usato per costruire acquari con misure sino a due metri è il vetro. L'altezza è il parametro che più di tutti incide sullo spessore dei cristalli, più la vasca è alta più lo spessore del vetro aumenta.

E' bene farsi subito un'idea del numero e della grandezza dei pesci e delle piante che si vorrebbero immettere. Un altro fattore è lo spazio e la sistemazione in casa. Per questo è consigliabile fare sempre prima uno schizzo su carta dell'arredamento base e della sistemazione delle piante.

Sistemato l'acquario, procederemo ad assemblare il filtro biologico e alla sistemazione del fondo e degli accessori; potremo scegliere di inserire piante naturali e sarà quindi necessario applicare alla base del fondo dell'acquario il fertilizzante o concime dove le piante prenderanno il nutrimento.

Arriva quindi il momento di prepararsi ad inserire l'acqua. Questa andrà inserita lentamente nell'acquario, e posizionando sul fondo un piatto da cucina in modo tale che quando viene inserita l'acqua non venga deturpato il fondo di ghiaietta. Inoltre ricordarsi di inserire nell'acqua una dose del biocondizionatore dell'acqua, che serve per neutralizzare le sostanze nocive.

Ora non resta che inserire le piante ed attivare l'impianto. Ma l'acquario non è ancora pronto biologicamente ad ospitare i pesci, perché affinché si inneschi il meccanismo batteriologico occorrono alcune settimane. Quando l'acquario sarà pronto si possono acquistare i primi pesci, conviene all'inizio acquistare dei pesci chiamati "spazzini" o meglio pulitori, essi hanno il compito di eliminare attraverso la nutrizione tutti i micro-organismi presenti negli angoli più nascosti del tuo acquario.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta