ALTRI ANIMALI

Come curare l’acquario

LEGGI IN 2'

Un acquario è un ecosistema delicatamente equilibrato che fa affidamento su batteri "buoni" per consumare e convertire le sostanze chimiche tossiche prodotte dagli animali acquatici in sostanze chimiche meno tossiche che sono più sicure e possono essere rimosse attraverso la regolare manutenzione dell'acquario.

Quando allestisci il tuo acquario per la prima volta, dovrai incoraggiare la crescita di questi batteri buoni. Il processo, chiamato ciclismo, può richiedere da 3 a 7 settimane. L'uso di antipasti batterici può ridurre il tempo di ciclo da 1 a 3 settimane. Ecco come iniziare:

  • Prepara e riempi l'acquario d'acqua. Non aggiungere il pesce. Fai funzionare il filtro dell'acquario per almeno 24 ore per assicurarti che tutte le apparecchiature funzionino correttamente e che venga raggiunta la temperatura ideale.
  • Introduci alcuni pesci piccoli e resistenti come danios o ovivipari. Il numero di pesci dipenderà dalle dimensioni dell'acquario;
  • Nel tempo, i batteri benefici dovrebbero intervenire e bilanciare la chimica nell'acquario. Una volta che l'acqua è pronta, puoi introdurre lentamente nuovi pesci.

Consigli utili

  • Assicurati di controllare la temperatura dell'acqua nel tuo serbatoio ogni giorno.
  • Acquista termometri
  • Sostituisci il 25-30% del serbatoio con acqua pulita
  • Testa il pH dell'acqua, l'ammoniaca, i nitriti, i nitrati, la durezza, l'alcalinità e il cloro
  • Rimuovere e pulire le piante di plastica e gli oggetti decorativi una volta al mese
  • Potare le piante vive se necessario ogni 6 settimane
  • Acquista aspirapolvere per ghiaia per acquari

I vetri e il fondo

Ogni volta che si procede al cambio dell’acqua, o in situazioni di maggiore sporcizia, il fondo deve essere pulito con un sifone. Tutti i sedimenti che si sono acculati e che non sono stati filtrati vengono eliminati. La pulizia dei vetri può essere eseguita con il classico raschietto calamitato per poter togliere tutte le piccole alghe che normalmente si formano sul vetro.

Il filtro

Il filtro è composto da due parti: una meccanica e una biologica. La parte meccanica è composta solitamente da spugne, che devono essere lavate o sostituite regolarmente, in base alla dimensione. La parte biologica è costituita dai batteri essenziali per eliminare le sostanze nocive nell’acqua e si trova nei cilindretti di ceramica e nella fanghiglia che si forma in fondo al filtro. Per questo non devi mai lavare sotto l’acqua corrente i cilindri perché l’eliminazione dei batteri è nociva per la vita nell’acquario.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione