CURARE LE PIANTE

Come trapiantare in sicurezza un cactus

LEGGI IN 2'

I cactus sono le piante di appartamento ideali per chi non ha tempo di prendersene cura o è spesso via da casa.  Poiché sono a crescita lenta, i cactus in genere richiedono solo il trapianto ogni 3-4 anni o ogni 2-3 anni per le varietà a crescita più rapida. Ma come deve avvenire il trapianto?

Prima di tutto, è meglio trapiantare un cactus tra l'inizio e la metà della primavera, quando la pianta è entrata nel suo periodo di crescita attiva. Ciò garantirà che il cactus abbia l'energia per riprendersi dalla manipolazione e acclimatarsi al suo nuovo ambiente.

Quali strumenti usare? Dipende dalle dimensioni e dalla punta della pianta. Ad esempio, quando si trapiantano cactus più piccoli, pinze di metallo e / o giornali potrebbero non essere necessarie, mentre cactus più grandi potrebbero richiedere un arsenale completo di dispositivi di protezione.

La prima cosa che devi fare è allentare il terreno attorno ai bordi del vaso con un coltello smussato o una cazzuola se necessario. Se ti senti più sicura, puoi avvolgere il cactus in diversi strati di carta di giornale per renderlo più facile da afferrare, oppure puoi usare le pinze di metallo per maneggiare la pianta. Muovi delicatamente la zolla dal vecchio vaso e appoggia sul tavolo o per terra.

Una volta che il cactus è stato rimosso dal suo vecchio vaso, la zolla dovrebbe essere allentata e il vecchio terreno scartato. A seconda di come la pianta è legata alle radici, a volte questo può essere un processo delicato. Procedi con calma e fai attenzione a non rompere troppe radici. Controlla inoltre se ci sono parassiti e taglia le radici morte.

Poi riempi il fondo del nuovo vaso con la miscela di terriccio adatto ai cactus (puoi acquistare del in negozio), assicurandoti che il cactus venga piantato alla stessa profondità del contenitore precedente. Usando le pinze o il giornale, posiziona delicatamente il cactus nel vaso e tienilo in posizione mentre riempi il resto della pentola di terra. Non innaffiarlo subito poiché ha bisogno di tempo per adattarsi alle sue nuove condizioni. Dopo circa una settimana puoi riprendere il normale programma di irrigazione.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta