2019/09/19 21:58:5525290
2019/09/19 21:58:5639420

CURARE LE PIANTE

Come togliere il calcare dall'acqua per le piante

LEGGI IN 2'

Togliere il calcare dall’acqua per le piante è un’operazione che si fa per le acidofile, quei fiori e quelle piante che vogliono dei terreni acidi, le piante grasse, le orchidee.

Il calcare può fare male alle piante che non lo tollerano perché può interferire con l’assorbimento del ferro, motivo per cui le amiche verdi possono andare incontro alla clorosi ferrica e all’ingiallimento.

Approfondiamo, dunque, i rimedi per decalcificare l’acqua.

Ovviamente, devi tenere conto della sua durezza e della tipologia di pianta che può essere più o meno esigente e tollerante rispetto al calcare. Dunque, in alcuni casi può andare bene la tua acqua, per altre piante è preferibile eliminare o almeno limitare il calcare.

Come togliere il calcare dall’acqua per le piante: il rimedio casalingo
Una tecnica fai da te, per ridurre il calcare, consiste nel far decantare l’acqua calcarea.

La metti in un annaffiatoio ovvero in un contenitore aperto e la lasci riposare lì almeno per un giorno, meglio ancora se per due.

Il calcare ha la tendenza a depositarsi sul fondo, a cadere alla base del recipiente. Perciò, quando annaffi, fai attenzione a procedere in modo dolce senza agitare il contenitore, e usa la prima parte dell’acqua, per evitare di far andare il calcare, presente in basso, nelle piante.

Così limiti la presenza del calcare nell’acqua che usi per annaffiare.

Come togliere il calcare dall’acqua per le piante: gli apparecchi
Ci sono degli apparecchi appositi per decalcificare, addolcire o purificare l’acqua come l’impianto ad osmosi inversa.

Se li prendi in considerazione, valuta i costi e la composizione finale dell’acqua. Può risultare priva o carente di minerali, da integrare eventualmente con i concimi; oppure presentare un’elevata quantità di altri elementi come il sodio.

Calcare nell’acqua: le alternative

  • L’acqua piovana: va da sé che devi raccoglierla per poterla usare!
  • Gli elettrodomestici: potresti usare l’acqua di scolo dei condizionatori, quella dei deumidificatori o quella dell’asciugatrice. Ma controlla che sia pulita e che non ci siano resti di altre sostanze quindi valuta di filtrarla.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicchi su “Prosegui con la navigazione”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Prosegui con la navigazione