SALUTE E BENESSERE DEGLI ANIMALI

Il cane si gratta sempre: le cause e come intervenire

LEGGI IN 2'

Il grattamento nel cane non è una cosa inusuale, ma quando la frequenza di questa azione diventa eccessiva e anche piuttosto violenta, viene da chiedersi quali siano le cause e se è il caso di allertare il veterinario. Il monitoraggio degli altri eventuali sintomi e le reazioni del nostro amico a quattro zampe ad un disagio sono fondamentali per comprendere la fonte del disturbo.

Se, ad esempio, il problema si presenta su base stagionale, è molto probabile che Fido abbia qualche allergia ai pollini. Ma quando il prurito si presenta in ogni periodo dell'anno, un'altra causa potrebbe essere allergia ambientale, magari a muffe domestiche, polvere o anche acari, che sono grandi nemici anche dell'uomo.

Mai sottovalutare anche le punture di insetti, i parassiti e le allergie alimentari, quest'ultime fra le cause più frequenti di un eccessivo grattamento del cane. In questo caso però la sintomatologia è abbastanza varia e oltre al prurito possono comparire rash cutanei e disturbi gastrointestinali.

In linea di massima, quando Fido si gratta con una certa frequenza e arriva anche a ferirsi, è essenziale chiedere aiuto al veterinario, che analizzerà il caso. Si potrebbe trattare di pulci, se il cane, ad esempio, va spesso in giardino o in campagna, ma non sempre protetto da un antiparassitario efficace.

Tuttavia, se il prurito non è causato da parassiti o da infezioni fungine visibili, il medico effettuerà il test allergologico e il test cutaneo intradermico, per determinare la causa scatenante del prurito. In questo modo potrà decidere una terapia efficace e in grado di risolvere la situazione.

In caso di allergie alimentari, il cambiamento di dieta è essenziale per ripristinare il normale stato di salute cutanea e generale. Il trattamento mirato al prurito può invece essere a base di antistaminici o steroidi antinfiammatori, che possono comunque causare qualche effetto collaterale nel cane, motivo per cui è bene tenerlo sotto osservazione durante la cura.

Il veterinario potrebbe anche suggerirci di abbinare la terapia con l'aggiunta di acidi grassi omega-3, che migliorano la pelle e il pelo del nostro animale. In caso di cute secca o squamosa con prurito, possono aiutare, specie nel lungo periodo, a ridurre e limitare i sintomi.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta