2019/11/12 05:40:2348634
2019/11/12 05:40:2438366

IN FORMA

Camminare: i benefici per il corpo e per la mente

LEGGI IN 2'

Camminare ha dei benefici per il corpo e per la mente, è economico e non richiede necessariamente un tempo dedicato. Possiamo, infatti, abbinare la camminata ad altre attività obbligate come andare al lavoro, raggiungere il supermercato per fare la spesa o andare a prendere i bambini a scuola.

Ma quanto camminare? Il traguardo minimo classico è quello dei 10.000 passi al giorno, anche se non tutti sono d’accordo. Per i tempi, possiamo rifarci alle indicazioni dell’OMS e del Ministero della Salute sull’attività fisica, le trovi nel relativo articolo.

Camminare: i benefici per il corpo e la mente
L’attività del camminare fa bene:

  • Ci aiuta a tenere sotto controllo la pressione alta, il diabete, il cuore e il colesterolo.
  • Riduce lo stress e l’ansia e fa tornare il buonumore.
  • Contribuisce a farci perdere peso e a dimagrire (qui il calcolo delle calorie che si bruciano con la camminata).
  • Ha una ricaduta sulla salute delle ossa, quindi può diminuire il rischio di fratture e osteoporosi.
  • Favorisce la creatività, la memoria e le funzioni cognitive.
  • Può contribuire a migliorare il nostro sonno (ma, per la relazione tra esercizio fisico e sonno, entrano in gioco molti fattori).

Altri benefici del camminare, ricapitolati dalla Harvard Medical School, sono:

  • L’effetto sui geni legati all’obesità.
  • Il contrasto al craving, la voglia e l’assunzione compulsiva di cibi come cioccolato e snack.
  • La riduzione del rischio di cancro al seno. Uno studio ha rilevato un rischio più basso del 14% per le donne che camminavano 7 ore o più a settimana rispetto a quelle che facevano la stessa attività per 3 ore o meno a settimana.
  • La diminuzione del dolore alle articolazioni. In base ad alcune ricerche, in questo senso, ne risente positivamente chi ha l’artrite e  camminare 5-6 miglia (8-9 km) a settimana potrebbe prevenire questa patologia.    
  • L’aumento delle difese immunitarie. Da una ricerca è emerso che quanti camminavano per almeno 20 minuti al giorno, almeno per 5 giorni a settimana, “avevano il 43% in meno di giorni di malattia rispetto a quelli che si esercitavano una volta a settimana o meno. E se si ammalavano, era per una durata più breve e i loro sintomi erano più miti”.

D’altra parte, l’ideale sarebbe poter camminare in un luogo non inquinato. Ad esempio, da uno studio condotto sugli over 60 in salute e con problemi respiratori o cardiaci cronici, si evince che camminare in un luogo con inquinamento da traffico, a breve termine, potrebbe depotenziare i benefici di questa attività.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.
Stella

la camminata e' perfetta specialmente in un parco fa l'effetto davvero rilassante.

1 anno fa

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicchi su “Prosegui con la navigazione”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Prosegui con la navigazione