PSICOLOGIA

Un sorriso al lavoro

Ironia e positività fanno bene nella vita di ogni giorno e soprattutto nell?ambiente di lavoro. Perchè pare che i dipendenti più ottimisti e solari siano anche quelli preferiti dai superiori
LEGGI IN 2'

Ridere fa bene, e di questo siamo tutte certe. Ma adesso si scopre che l'ironia e la capacità di affrontare le situazioni con il buonumore sono doti da incentivare anche in ufficio e sul luogo di lavoro. Intendiamoci: non è che adesso si debba ridere a crepapelle. Ma saper usare il sorriso e sdrammatizzare le situazioni di tensione non solo aiuta l'atmosfera con i colleghi in generale, ma diventa un elemento che ci pone in buona luce con i superiori.

Negli Stati Uniti per esempio è emerso che a parità di qualità, sono salvati dal licenziamento gli impiegati che si dimostrano più positivi e sorridenti di quelli che tendono al pessimismo e alla cupezza. Sono persino in commercio manuali che insegnano quella che possiamo definire "la manutenzione del sorriso".

Qualche suggerimento? Eccolo: ringraziare una persona che non se lo aspetta con un bel biglietto. Arrivare ad una riunione di lavoro con dei dolci fatti in casa e offrirli a tutti i presenti. Raccontare aneddoti ed esempi spiritosi per spiegare le proprie idee e proposte. Cercare di non essere mai disfattisti. Adottare una specie di "legge del sorriso", che si traduce in comportamenti che trasmettano fantasia, leggerezza, disponibilità, socievolezza.

L'ironia aiuta anche a difendersi dai superiori troppo minacciosi. Per disinnescare la loro carica distruttiva nei nostri confronti, bisogna imparare a immaginarseli, secondo gli esperti, in una chiave comica, che depotenzi la loro autorità e li renda quindi meno minacciosi ai nostri occhi. Consiglio molto valido, a patto che naturalmente non si riveli al diretto interessato il trucco messo in opera per fronteggiare le sue ire...

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta