IN FORMA

Le allergie dei mesi freddi

LEGGI IN 3'

Cosa sono le allergie?

Solitamente si parla solo di allergie primaverili, ma una persona su quattro soffre di allergie autunnali e la colpa è soprattutto di pollini, muffe e acari. I sintomi più diffusi sono: difficoltà di respirazione, occhi rossi, gola irritata, starnuti e naso che cola. Una stagione di transizione che diventa un vero incubo se si è particolarmente soggette a queste problematiche.

Tuttavia l’autunno è anche il periodo della prevenzione. Il momento ideale per provare i test cutanei e scoprire con esattezza a cosa si è allergici. Tra novembre e dicembre è invece il momento di ricorrere eventualmente al vaccino per combattere l’allergia ai pollini, un sistema che si rivela molto efficace.

Acari della polvere

Gli acari della polvere sono animaletti microscopici e ad occhio nudo appaiono come puntini. Il loro sviluppo avviene dove si trova maggiore disponibilità di cibo e riparo ovvero materassi, cuscini, piumini, coperte, ma anche poltrone imbottite e arredi sui quali trascorriamo molto tempo e nei quali si creano le migliori condizioni di temperatura e umidità.

Da queste sedi gli acari si diffondono nell’ambiente circostante, annidandosi preferibilmente nei materiali che raccolgono più polvere. Quindi è necessario tenere sempre spolverato l’ambiente circostante e gli oggetti nei quali potrebbero annidarsi, come ad esempio peluche, coperte e zone morte della casa.

Muffe e miceti

Negli ambienti molto umidi all’aperto o al chiuso possono essere presenti anche muffe e miceti, che creano alle persone soggette, reazioni allergiche respiratorie davvero fastidiose. Per evitare di entrare in contatto con le muffe, è fondamentale, innanzitutto bonificare l’ambiente intorno, in modo da ridurre notevolmente l’umidità.

Inoltre, anche se si ama stare all’aria aperta è consigliabile evitare lavori di giardinaggio e nelle serre in questo particolare periodo. È molto importante cercare di ventilare la casa abitualmente, non tenere in frigo alimenti scaduti, mantenere una costante pulizia della casa ed evitare, se possibile, l’utilizzo della carta da parati.

Attenzione agli alimenti!

Nella stagione autunnale maturano diversi frutti che possono essere causa di piccoli problemi. La frutta secca e i semi di arachide sono sicuramente tra gli alimenti stagionali più fastidiosi così come lo sono anche kiwi, castagne, fichi, uva e cachi.

Le più diffuse problematiche sono secrezione e ostruzione nasale, prurito e lacrimazione, tosse, fischio respiratorio, vomito, diarrea, orticaria, eczema e dolori addominali. Cercate di prestare attenzione se mangiando determinati alimenti si manifestano alcuni di questi sintomi e, nel caso, meglio ricorrere al medico di fiducia per dei test allergici.

Allergeni di origine animale

Spesso i peli di animali, come il gatto e il cane, possono provocare reazioni allergiche. Proprio perché, i loro allergeni vengono prodotti dalle ghiandole sebacee e si accumulano sulla cute e sul pelo. Anche la forfora di cani e gatti, cioè delle minuscole particelle di pelle secca, e l’urina degli animali domestici sono elementi che possono causare problemi fastidiosi.

Per evitare queste spiacevoli manifestazioni dei piccoli accorgimenti si rivelano molto utili. Ad esempio, eliminare tappeti e tappezzeria pesante, niente animali nelle camere da letto, pulire gli oggetti che entrano in contatto con gli animali, spazzolare il cane o il gatto frequentemente e utilizzare dei depuratori per l’aria.

Pollini nell’aria

Il clima tipico delle stagioni intermedie, con notevoli sbalzi di temperatura tra le ore notturne e quelle diurne, favorisce la diffusione dei pollini nell’aria. Parietaria, assenzio, ambrosia, e graminacee, inoltre, sono i pollini più frequenti in autunno.

Il modo più semplice per fronteggiare il problema è quello di rimanere in ambienti chiusi quando aumentano i livelli di polline nell’aria. Questo ovviamente non è sempre possibile e si può ricorrere all’uso di maschere nei lavori in giardino o durante le pulizie domestiche. Inoltre cerca di lavare gli abiti che si portano all’esterno ed evita di esporre all’aria gli oggetti che tieni dentro casa.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta