IN FORMA

La falsa cellulite

LEGGI IN 2'

Non perdere la speranza, forse hai parlato troppo presto e quella che ti preoccupa non è vera cellulite, ma una sua buonissima imitazione. Circa il 30% delle donne che crede di avere la classica cellulite dovuta a problemi di circolazione o ritenzione idrica si sbaglia, stando a quanto è emerso al congresso mondiale di flebologia a Roma. Fortunate! Verrebbe da pensare. In effetti queste donne potrebbero dire di non avere la pelle a buccia d'arancia, se lo sapessero. In realtà, tratte in inganno dalla stretta somiglianza con la cellulite, finiscono per intervenire in modo sbagliato con trattamenti estetici e fisioterapici non adatti, perché specifici proprio contro la cellulite. Secondo il parere del presidente della Società italiana di Medicina estetica, Carlo Alberto Bartoletti si corrono in tal modo seri rischi di aggravare la propria situazione estetica.

Ma a che cosa è dovuta e che cos'è questa presunta pelle a buccia d'arancia? L'esperto in chirurgia vascolare Sante Camilli afferma che la causa è costituita dallo stress prolungato, responsabile della contrazione dei muscoli della parte interna delle gambe e delle cosce che a sua volta favorisce l'insorgere del fenomeno. La falsa cellulite è inoltre connessa allo slittamento dei tessuti cutanei e sottocutanei verso il basso, che avviene per caduta, soprattutto per quanto riguarda alcune zone somatiche come i glutei e la regione interna delle cosce e delle braccia. Tale inestetismo si verifica frequentemente dopo i 40 anni come normale situazione legata all'età, ma può comparire eccezionalmente con buon anticipo come una conseguenza di consistenti dimagrimenti avvenuti in tempi rapidi. Fattori che possono concorrere a allo scivolamento dei tessuti risultano poi lo scarso tono muscolare, che si riscontra in tutte coloro che conducono vita troppo sedentaria, e poi alterazioni posturali e trattamenti medici o fisioterapici sbagliati. Perciò la falsa cellulite finisce per interessare di fatto anche moltissime giovani donne, dai trent'anni in poi.

Nel complesso, soltanto due donne su dieci tra quelle che ricorrono alle cure degli specialisti possono dirsi veramente affette da gravi forme di cellulite, una percentuale molto inferiore a quello che si sarebbe portate a pensare a causa di un'informazione scientifica che finora è stata inesatta. È sempre stato in vigore, infatti, un regime di ossequio nei confronti delle case di cosmetici, interessate a vendere i propri prodotti contro la cellulite, che ha impedito la divulgazione di un'informazione veritiera. Gli stessi prodotti anti-cellulite, che troviamo nelle farmacie e profumerie, sono anche considerati dal professor Camilli meno efficaci di massaggi, sport e corretta alimentazione. Ecco dunque alcune importanti rivelazioni che possono farci cambiare il modo di considerare e di contrastare un problema estetico che finora è stato probabilmente sopravvalutato, se non nella sua gravità almeno nelle sue proporzioni. D'altra parte è difficile riconoscere la cellulite ad occhio nudo, molto meglio affidarsi ai precisi strumenti diagnostici dei centri medici o estetici in grado di stabilire con certezza se si è in presenza o meno di pelle a buccia d'arancia. Potrebbe sempre trattarsi di falsa cellulite, nel qual caso i tradizionali trattamenti anticellulite potrebbero essere non solo inefficaci, ma addirittura dannosi!

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione