IN FORMA

Dissetarsi? Si, ma occhio allo zucchero!

LEGGI IN 3'

In particolare devono dissetarsi coloro che svolgono un'intensa attività fisica, gli anziani, i bambini e coloro che vivono in ambienti caldi o umidi quali le nostre città d'estate.

Ma quali sono le bevande da preferire per non eccedere in calorie inutili e dissetarci veramente?

La televisione ci martella con pubblicità che ci spingono a dissetarci con bevande che molto spesso sono delle vere e proprie bombe di calorie e di dissetante non hanno nulla: infatti queste bevande, fresche ed invitanti, una volta nello stomaco, tornate a temperatura normale, liberano gli zuccheri che richiamano altra acqua facendo ritornare la sete più di prima.

Qualche esempio?

- un bicchiere di tè freddo è pari a tre cucchiaini di zucchero (60 cal.)

- un energy drink è pari a cinque cucchiaini di zucchero (110 cal.)

- un succo di frutta è pari a 6 cucchiaini di zucchero (120 cal.)

- un'aranciata in lattina è pari a 8 cucchiaini di zucchero (160 cal.)

- una bottiglietta di cola è pari a 10 cucchiaini di zucchero (200 cal.).

Se poi preferisci orientarti verso l'acqua vitaminica pensando che sia meno calorica, ti sbagli: infatti una bottiglietta è pari 7 cucchiaini di zucchero e apporta le stesse calorie di una macedonia con panna.

L'indice di sazietà delle bevande è bassissimo ed è molto facile quindi, dopo un'ora di sport o tra un pasto e l'altro, assumere tante calorie quante un piatto di pasta, che nel giro di un'ora si trasformeranno in grasso.

Scopriamo quali bevande scegliere in ordine decrescente, cominciando da quelle che curano maggiormente il nostro organismo e il nostro profilo:

  • al primo posto troviamo sicuramente l'acqua, necessaria per il nostro metabolismo e per le funzioni fisiologiche, non dà calorie e fornisce minerali essenziali. L'acqua da sola potrebbe coprire da sola tutte le nostre necessità di liquidi.
  • tè e caffè senza zucchero non forniscono calorie, ma apportano antiossidanti e caffeina (più nel caffè) che se assunta con moderazione non presenta particolari rischi (meglio limitarla in caso di gravidanza e di particolare sensibilità).
  • latte parzialmente scremato o magro che ha un elevato valore nutrizionale dovuto alla ricchezza di proteine e calcio.
  • bibite "light" con dolcificanti non calorici, da preferire rispetto alle normali bibite zuccherate, perché forniscono acqua, hanno un sapore dolce gradito al palato e non apportano calorie.
  • le bevande caloriche che forniscono alcuni nutrienti: succhi di frutta, vino e birra.
  • l'ultimo posto è delle bibite gassate (cola, aranciata, tè o frutta diverse dai succhi): hanno molto valore energetico e nessun altro nutriente, e vanno usate quindi con molta parsimonia.

Vuoi prepararti da sola una bevanda dissetante con pochissime calorie?

Prova a frullare della frutta di stagione mescolata ad acqua fresca e un pizzico di cannella o di altre spezie: aggiungerai solo 50 calorie. Vanno bene anche ghiaccioli e granite preparate in modo casalingo con tè o caffè e ½ cucchiaino di dolcificante: producono solo 10 calorie contro le 120 dei ghiaccioli industriali.

Da provare le tisane che si possono consumare anche fredde: la menta è la più dissetante oppure scegline una, ai frutti di bosco se vuoi un sapore più dolce. Aggiungendo un cucchiaino di miele avrai appena 20 calorie in tutto.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta