ERBORISTERIA

Le erbe naturali per lo sport

LEGGI IN 3'

Prepara il corpo allo sforzo

Nei mesi autunnali si riprende a fare sport regolarmente dopo la pausa estiva, si ricomincia a frequentare i corsi in palestra, e il corpo viene sollecitato da nuovi stress mentali e fisici. Complice anche il cambio di stagione e di clima, che può alterare alcuni equilibri interni, prima di riprendere un’attività fisica a pieno regime può essere utile dare un supporto al nostro corpo tramite erbe naturali e rimedi di tipo erboristico che sfruttino le proprietà benefiche di alcune piante.  

Per prima cosa è necessario avere un’alimentazione corretta e bilanciata che, è bene ribadirlo, non può essere sostituita da nessun integratore. Tuttavia, soprattutto se si praticano attività a livello agonistico, sport che sottopongono il fisico a uno sforzo prolungato nel tempo o allenamenti con frequenza giornaliera alcune piante possono essere utili per reintegrare e non far gravare troppo questo impegno sulla vita quotidiana. Altri rimedi, sempre naturali e quindi in linea con un approccio salutare al proprio corpo, sono validi per intervenire su piccoli infortuni.

Un carico di energia

Quando il fabbisogno energetico aumenta in concomitanza con la pratica di uno sport più faticoso del solito o uno stress ‘extra’ può essere utile cercare di accrescere la propria resistenza fisica tramite l’assunzione di alcune piante.

1. Ginseng, eleuterococco o guaranà. Tutte e tre appartengono alla famiglia delle piante adattogene che forniscono maggiore efficienza e reattività fisica e mentale: la risposta del nostro corpo migliora, a patto che il prodotto sia assunto in maniera continuata almeno per qualche settimana.

2. Pappa reale. Un rimedio naturale e una vera e propria dose concentrata di principi nutritivi. È utile in tutti quei casi di affaticamento dove c’è bisogno di un’azione rivitalizzante. Un’azione simile, anche se più blanda, hanno anche il miele e il polline. Facciano attenzione i soggetti allergici ai pollini poiché tutti i prodotti apicoli possono potenzialmente scatenare delle reazioni o controindicazioni.

3. Spirulina. Questa è una microalga verde unicellulare che cresce solo nelle acque di alcuni laghi di Messico e Africa, è tra gli elementi più adatti al supporto della vita sportiva: ipocalorica contiene un altissimo numero di proteine.

Gli oli essenziali

Anche alle persone più prudenti e più allenate può capitare di incappare in qualche piccolo infortunio. Se non si tratta di problemi gravi è possibile prevenirli o curarli con rimedi naturali.

1. Olio di canfora. Ideale per evitare seccature a livello muscolare si può utilizzare come olio da massaggi prima di cominciare un’attività fisica. L’effetto antinfiammatorio e balsamico contribuirà a prevenire crampi e tensioni muscolari.

2. Olio di rosmarino o di lavanda. Dopo lo sforzo invece è utile praticare dei massaggi defatiganti e quindi vanno preferiti oli essenziali che abbiano un’azione rinfrescante. Questi due oli sono l’ideale: per trovare beneficio bisogna frizionarli con movimenti che dalle estremità si spostino verso l’interno del corpo. Per una massima efficacia è sempre bene accostare a queste pratiche anche dello stretching, per smaltire l’acido lattico accumulato.

3.  Pomata all’arnica. Questo rimedio è molto efficace per alleviare il dolore successivo a una contusione, slogatura o distorsione e deriva dai tipici fiori gialli che crescono in montagna. Accanto alle proprietà antinfiammatorie e antidolorifiche ha anche effetti stimolanti sulla circolazione superficiale favorendo il riassorbimento dei lividi. L’arnica deve essere impiegata solo su cute integra e va evitata su pelli affette da dermatite.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione