INTERNI

Il materasso dei tuoi sogni

LEGGI IN 3'

Sonni tranquilli

Prima le molle, poi le doghe. Prima i materassi in lana, sapientemente fatti a mano, quindi quelli in lattice, un comodo massaggio per la tua schiena. I materassi sono argomento delicato, se ci si accinge a cambiare quello vecchio, soprattutto se la sua scelta avviene “alla cieca”.

Ecco una piccola guida utile per districarsi tra una marea di possibilità, consistenze e composizioni differenti, tutte (o quasi) straordinariamente comode, ma diverse e specifiche per ciascun disturbo fisico si voglia alleviare, ma anche per il semplice piacere di un sonno tranquillo.

I materassi ad acqua

I materassi ad acqua sono quelli che attirano maggiormente la fantasia di chi ha il piacere di provarli, perché favoriscono il buon riposo e garantiscono una corretta postura. È scientificamente provato che sui letti ad acqua ci si rigira in minor misura, in quanto non vi sono punti di pressione che disturbano la circolazione del sangue.

Questi materassi sono perfetti per chi soffre di insonnia, perché il movimento fluttuante aiuta nel rilassamento completo del corpo, essendo i modelli più elastici e modellabili.
Tra gli svantaggi, invece, c’è da segnalare la sua cattiva traspirazione e l’attenzione costante da dedicare alla temperatura dell’acqua, per evitare di sudare tutta la notte!

I materassi a molle

I materassi a molle sono i più antichi esistenti in commercio e la loro sperimentazione risale a circa 300 anni fa.
Vi sono due tipi di molle, quelle ‘insacchettate’, ma anche le molle ‘biconiche’. Le molle del primo tipo, che conciliano una maggiore aderenza alla fisionomia del corpo, sono le più raccomandate, perché si muovono indipendentemente le une dalle altre, conformandosi alla struttura della persona.

Il materasso a molle è stato progettato ad alta traspirazione, non solo del nostro corpo, ma del materasso stesso, impedendo la formazione della condensa al suo interno.
In seguito all’aumento delle allergie, inoltre, molte aziende tendono ad utilizzare dei rivestimenti sfoderabili in tessuti trattati per evitare la temuta proliferazione degli acari.

I materassi in schiuma

I materassi in Memory Foam hanno il grandissimo vantaggio di consentire una corretta distribuzione del peso, ma, allo stesso tempo, presentano la caratteristica di ritornare molto difficilmente nella forma originaria, rischiando di ostacolare i movimenti durante il sonno.

Anche la temperatura della camera da letto è da valutare attentamente nella scelta, o meno, di questo materasso, in quanto, se questa è molto fredda, la schiuma presente all’interno del materasso tende a solidificarsi causando una totale alterazione delle caratteristiche principali del materasso.

I materassi combinati

Questa tipologia di materassi è quella che unisce tecnologie e materiali differenti. Il loro acquisto prevede sempre il consiglio e il parere di un esperto che sappia indicare il modello migliore più adatto alle tue esigenze.

Come si può evincere dal loro nome, questi materassi sono il risultato di una combinazione di lattice e lana, ma anche di cocco e altre fibre naturali che permettono allo stesso di mantenersi perfettamente elastico e, soprattutto, ben arieggiato.

I materassi naturali

I materassi naturali comprendono tutte quelle varianti in cui il materiale di composizione non subisce alcuna lavorazione o trattamento particolare, ma si presenta totalmente naturale al 100%. Tutti questi prodotti possono essere preconfezionati o progettati e sviluppati sulle reali esigenze di chi vi dorme, prestando attenzione, ad esempio, a particolari allergie.

Nella stessa categoria dei materassi naturali troviamo i ‘futon’, i materassi all’orientale, formati semplicemente da uno strato composito di cotone e lana mischiati, raramente, con il lattice, spesso, invece, con le fibre del cocco.  Il futon è dotato di grandi doti di elasticità e traspirazione continua e difende inoltre il corpo dall’insorgere dei campi elettromagnetici, allontanando acari e polveri.


Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione