PSICOLOGIA

Stress, come smettere di mangiare per il nervoso

Talvolta si mangia per noia o perché si è molto nervosi. Quando il cibo si consuma non per fame, ma per assecondare uno stato d'animo si parla di mangiatore emotivo. Se fai parte anche tu della categoria e vuoi salvare la linea, devi smettere.
LEGGI IN 1'

Mangi quando sei nervosa o stressata? Potresti essere una mangiatrice emotiva e non c’è nulla di peggio per la tua linea di legare il consumo di cibo alle tue emozioni. Il cibo offre conforto, ma devi imparare a gestire questo problema se ti vuoi realmente bene. Come si fa?

Identifica perché stai mangiando. Una cosa che dà grandi risultati è chiedersi: "Se non ho fame, perché sto mangiando?". Quando ti fermi per chiederti perché e rispondi con "Sono solo annoiato o mi sento ansioso", può aiutarti a capire meglio la tua motivazione

Trova qualcosa di utile da fare. Prendersi qualche minuto per consumare del comfort food può essere piacevole, ma se sta diventando un’abitudine cerca di fare altro. Fatti un massaggio, regalati nuove scarpe, leggi un libro, pianifica una vacanza.

Rilassati. Rivaluta i tuoi standard e lascia andare il tuo giudizio. Perdona te stesso per il passato. Tutti commettiamo errori e li facciamo più spesso di quanto vorremmo, ma tutti meritiamo la seconda (e la terza e la quarta) possibilità. E poi rilassati.

Diventa produttivo, non distruttivo. Spesso mangi come una forma di reazione. Il cibo emotivo non va mai bene, perché è distruttivo, non produttivo. Lo stress alimentare aumenta lo stress generale. Fai qualcosa per combattere quest’ansia che non sia legato al cibo. E possibilmente non deve essere un intrattenimento auto-referenziale. Inizia a pensare anche agli altri.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione