NASCITA

Nome del bambino: quando è troppo originale può danneggiarlo

Il nome è per la vita e la scelta mette ansia a molti genitori. Che cosa scegliere? Gli esperti consigliano di essere semplici, di evitare l'originalità e tutto ciò che possa rendere complessa la pronuncia al bambino (e non solo).
LEGGI IN 1'

Il nome del bambino è sempre una scelta complicata e i genitori negli ultimi anni hanno abbandonato la tradizione, per dare prova di creatività. Ti sei mai chiesto quale impatto avrà sulla sua vita? Secondo gli esperti, il nome di battesimo potrebbe essere particolarmente importante. Oggi sul lavoro o a scuola, siamo chiamati con il nostro nome (una volta invece si usa il cognome). I genitori potrebbero cercare qualcosa di alternativo a fini di identificazione.

Tuttavia, uno studio recente ha scoperto che le persone con un nome non comune o difficile da pronunciare avrebbero meno probabilità di fidarsi degli altri. L'impatto di un nome complicato sul bambino deve quindi essere preso in considerazione? La risposta è sì.

La "desiderabilità sociale" di un determinato nome varierebbe in base alla sua frequenza. Man mano che il suo uso aumenta, un nome ha un carattere rassicurante e diventa un classico, spesso più apprezzato. Una semplice variazione ortografica del nome (come Matilde, Mathilde o Matilda) provoca una percezione meno positiva.

I genitori dunque possono permettersi più audaci, soprattutto se non hanno obblighi religiosi, ma senza esagerare. Per scegliere il nome bisogna fare attenzione a tre regole: prestare attenzione ai giochi di parole con il cognome, alle iniziali complesse (o se per caso può distorto o confuso con altro: Chanel è un brand, per esempio) e ovviamente al gusto personale. Ricorda infine che il bimbo deve anche essere in grado di pronunciarlo... soprattutto al nido o all'asilo. Facilitargli la vita è uno dei compiti di mamma e papà.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione