ERBORISTERIA

I rimedi della nonna contro i talloni screpolati

LEGGI IN 1'

I talloni screpolati sono un problema molto comune, che non tocca solo il lato estetico. Molto spesso, quando le spaccature cutanee sono piuttosto profonde, è infatti possibile percepire dolore e fastidio agli arti inferiori, con la conseguente difficoltà a muoversi e camminare normalmente.

Oltre a mostrarsi secca e ispessita, la pelle può inizialmente presentare rossore, prurito, infiammazione e un classico principio di desquamazione. Intervenire in tempo, meglio se in maniera naturale, può aiutare ad evitare che l’epidermide si crepi in superficie, causando sanguinamento e conseguente rischio di infezioni.

Per fortuna i metodi non chimici per tamponare il problema sono molti e tutti efficaci a seconda della gravità. Ovviamente i cari vecchi rimedi della nonna per riparare i talloni screpolati vanno bene solo in caso di cute non lesa. Qualora ci fossero ferite aperte è invece necessario disinfettare la parte ed eventualmente chiedere consiglio ad un medico.

In generale gli oli vegetali sono tutti molto buoni per ammorbidire la pelle. Scegliamo quelli più ricchi di vitamine A ed E ed applichiamoli sui piedi insistendo nella zona talloni. Prima di qualunque trattamento è preferibile fare un pediluvio tiepido in grado di ammorbidire la pelle e renderla più ricettiva.

I nostri suggerimenti per far tornare i nostri talloni morbidi e perfetti sono tutti nella gallery foto.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.
Redazione

purtroppo non ho il pollice verde e non mi piace cucinare ma gli altri consigli mi saranno utili

3 anni fa

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta